Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Ti trovi in:Home » temi » Ambiente » Osservatorio Provinciale Rifiuti

Rapporto annuale sulla gestione dei rifiuti urbani - Anno 2013

Rapporto annuale sulla gestione dei rifiuti urbani - Anno 2013

Il sistema reggiano della gestione dei rifiuti sta diventando un esempio per le realtà territoriali che, nel nostro Paese, puntano ad una politica orientata alla riduzione, al riuso ed al riciclaggio dei rifiuti.

Prosegue, infatti, dopo lo spegnimento dell’inceneritore a Reggio Emilia ed il rilascio dell’autorizzazione alla realizzazione dell’impianto di un TM a massimo recupero di materia, l’itinerario verso un modello alternativo, in linea con le politiche europee e con le Nazioni che perseguono azioni avanzate nell’ambito della tutela ambientale. Tutto ciò grazie alla condivisione di tale orientamento da parte dei Sindaci e con la collaborazione dei cittadini che, giorno per giorno, imparano a seguire le regole per una più efficace suddivisione dei rifiuti domestici.

A riprova di ciò, il Rapporto annuale sulla produzione e gestione dei rifiuti urbani nell’anno 2013 evidenzia tre importanti risultati:

Aumenta la raccolta differenziata. La percentuale di Raccolta differenziata  dei rifiuti urbani cresce di circa tre punti rispetto al 2012, passando dal 60,5% al 63,2% a livello provinciale. L’obiettivo del 65% di Raccolta differenziata, fissato dal D.Lgs n. 152/06, è stato superato in 18 Comuni, con punte che arrivano fino al 90% di RD. In particolare in cinque comuni è stato superato l’80% della RD e in otto comuni il 70%. Questi risultati sono frutto dell’impegno dei cittadini, ma anche delle Amministrazioni  Comunali che hanno sul proprio territorio sistemi di raccolta dei rifiuti, più efficienti rispetto al passato, in linea con quanto previsto dal Piano d’Ambito.

Diminuisce la produzione e lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati. Se da un lato aumenta la Raccolta differenziata dei rifiuti, dall’altro diminuisce la produzione dei rifiuti indifferenziati, che passa da 152.219 ton nel 2012 a 142.663 ton nel 2013. Conseguentemente è diminuito lo smaltimento dei rifiuti in discarica.

Continua  la riorganizzazione dei servizi di raccolta dei rifiuti urbani secondo quanto previsto dal  Piano d’Ambito, approvato dall'assemblea dell'autorità d'Ambito ATO in data 16/12/2011 e aggiornato con Delibera del Consiglio Locale di Atersir  del 26/3/2013. Il Piano d’Ambito ha previsto la riorganizzazione dei servizi di raccolta dei rifiuti urbani potenziando i servizi porta a porta e di tipo capillarizzato, prevedendo per ogni Comune il tipo di raccolta e il relativo anno di attivazione. Al 31 dicembre 2013,  19  Comuni hanno riorganizzato i servizi di raccolta, secondo quanto previsto dal Piano.

I risultati ottenuti dimostrano, quindi, come il sistema di gestione dei rifiuti urbani nella Provincia di Reggio Emilia si orienti sempre più verso sistemi di  raccolta , finalizzati al recupero dei rifiuti e alla riduzione del loro smaltimento.

Il Presidente

Giammaria Manghi

 

Proprietà dell'articolo
modificato: venerdì 18 settembre 2015