Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

Il Piano di Emergenza Rischio Incendi Boschivi

Con Delibera n°40 del 26/6/2008 il Consiglio Provinciale ha approvato lo stralcio relativo agli incendi Boschivi del Piano di Emergenza Provinciale

Fra i compiti che la LR 1/05 assegna alle Province, è prevista la redazione del Piano di Emergenza Provinciale, con la collaborazione di Prefettura, Vigili del Fuoco, Corpo Forestale dello Stato, 118 - Reggio Soccorso.

Tali Piani di Emergenza sono redatti per stralci suddivisi sui diversi tipi di rischio riconosciuti sul territorio.

Al fine di attivare un percorso di pianificazione delle emergenze che insistono sul territorio, la Provincia di Reggio Emilia, a partire dal 2006, ha deciso di attivare le procedure per la redazione del primo stralcio del Piano di Emergenza Provinciale con la finalità di affrontare il Rischio Incendi Boschivi, coinvolgendo tutti i soggetti che partecipano ai diversi livelli di coordinamento e operativi, alle operazioni di intervento per lo spegnimento.

Il Piano di Emergenza Provinciale - Rischio Incendi Boschivi è stato predisposto e realizzato in conformità al quadro normativo attualmente vigente, agli atti amministrativi, ed agli indirizzi emanati dalla Regione Emilia Romagna.

Questo Piano rappresenta il primo approccio operativo per coordinare le operazioni di spegnimento degli incendi boschivi e prevede i protocolli operativi da attuare in caso di incendio.

Il Piano è il risultato del lavoro che ha visto coinvolti tutti gli enti che partecipano al sistema di Protezione Civile nella provincia di Reggio Emilia, in particolare quelli impegnati nelle attività di spegnimento degli incendi e di coordinamento delle emergenze.

Nel Luglio 2006 è stato attivato un Tavolo di Pianificazione, a cui hanno partecipato:

  • Prefettura di Reggio Emilia - UTG

  • COMUNI di Albinea, Casalgrande, Castellarano, Quattro Castella, San Polo d’Enza, Scandiano, Vezzano sul Crostolo

  • COMUNITA' MONTANA dell’APPENNINO REGGIANO

  • Vigili del Fuoco

  • Corpo Forestale dello Stato

  • REGGIO SOCCORSO - 118

  • ARPA - Sezione provinciale di Reggio Emilia

  • ASL di Reggio Emilia - Dipartimento di Igiene e sanità pubblica Veterinaria

  • Coordinamento Provinciale delle Organizzazioni di Volontariato per la Protezione civile

  • Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano

 

Il Tavolo Tecnico è stato un importante momento di confronto fra gli enti che ha permesso di pervenire alla formulazione di un modello di intervento e alla condivisione dei documenti conoscitivi allegati al Piano.

Parte integrante del Piano sono le Carte di Scenario di Evento e dal Modello di intervento.

Lo Scenario di evento è descritto in 11 cartografie al 25.000 ottenute dalla sovrapposizione dei dati del Programma Provinciale di Previsione e Prevenzione - Rischio Incendi Boschivi e i dati del censimento Azimut delle risorse e degli elementi esposti al rischio.

Il modello di intervento, è l'insieme di procedure da seguire in caso di evento incidentale e l'individuazione delle Funzioni di Supporto previste nel metodo Augustus.

E' articolato in fasi di allertamento (attenzione, preallarme, allarme, cessato allarme) successive, che definiscono i Soggetti e le relative competenze al progredire dell'evento.

Per quanto riguarda la Fase di attivazione esso solitamente coincide con il Periodo di massima attenzione che è stabilito dall'Agenzia Regionale di Protezione Civile sulla base delle condizioni ambientali previste dal centro funzionale ARP-SIM

In generale, si distinguono:

  • Un periodo ordinario: durante il quale la pericolosità di incendi è limitata o inesistente;

  • Un periodo di intervento: durante il quale la pericolosità di incendi boschivi è alta, individuato con apposita dichiarazione della Regione Emilia-Romagna.

 

In quest'ultimo poi, al verificarsi di un incendio, possono articolarsi le successive fasi:

  • Attenzione

  • Preallarme

  • Allarme

  • Spegnimento e Bonifica

 

Il Consiglio Provinciale ha approvato il Piano di Emergenza con Delibera n°40 del 26/6/2008. Giovedì 3 luglio 2008 è stato firmato il Protocollo di Intesa fra la Provincia di Reggio Emilia e gli Enti coinvolti nel tavolo tecnico di pianificazione.

 

Gli elaborati che costituiscono il Piano di Emergenza sono:

  • Relazione Tecnica Descrittiva;

  • Allegati :

  • A - Protocollo d'Intesa - Modello d'Intervento - Rischio Incendi Boschivi;

  • A1 - Schemi del modello d'intervento;

  • A2 - Recapiti e indirizzi - Enti e Strutture Operative;

  • A3 - Risorse A.I.B. - Squadre, mezzi, elisuperfici, punti avvistamento, norme di comportamento;

  • A4 - Confini di C.O.M. e confini interprovinciali;

  • B - Carte del Modello d'Intervento e Schede Informative Azimut;

  • C - Programma Provinciale di Previsione e Prevenzione - Rischio A.I.B. (2 CD) Modello di Simulazione degli Incendi Boschivi (Calibrazione su alcuni casi di studio di interesse per il Piano provinciale di Protezione Civile).

Proprietà dell'articolo
modificato: giovedì 3 luglio 2014