Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

Scuole dell'infanzia

Con decreto del Presidente della Provincia n. 165 del 26/9/2016, è stato approvato il “Piano provinciale delle risorse per interventi di qualificazione, miglioramento e coordinamento pedagogico nelle scuole dell’infanzia – anno scolastico 2016/2017”.


La Legge regionale n. 13 del 30 luglio 2015 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città metropolitana di Bologna, Province, Comuni e loro Unioni”, alla Provincia e alla città metropolitana di Bologna in base all’art. 51, lett. e), riattribuisce le funzioni di “Programmazione e gestione degli interventi per il diritto allo studio scolastico sulla base degli indirizzi della Regione, fatte salve le competenze dei Comuni”.

Con la deliberazione dell'Assemblea Legislativa n. 65 del 22/3/2016 la Regione ha approvato gli indirizzi triennali  per  gli  interventi di  qualificazione  e  miglioramento  delle scuole dell’infanzia. Triennio 2016-2018 come previsto dalle L.R. 26/ 2001  e L.R. 12/2003.

Tali indirizzi si rivolgono alle scuole dell’infanzia del sistema nazionale di istruzione e hanno la finalità di promuovere la progettualità delle scuole tramite:

  • la qualificazione dell'offerta educativa nelle scuole dell'infanzia statali e degli enti locali, all'aggiornamento del personale, al raccordo interistituzionale, alla continuità educativa;
  • il sostegno a progetti di miglioramento delle scuole dell'infanzia private paritarie aderenti alle associazioni firmatarie delle intese regionali;
  • per il sostegno all'inserimento di figure di coordinamento pedagogico nelle scuole dell'infanzia paritarie del sistema nazionale d'istruzione.


Sulla base del quadro riferimento normativo, la Provincia ha diversi compiti che si articolano nelle seguenti azioni:

  • definizione dei piani attuativi annuali definiti sulla base delle proposte formulate dai Comuni e dalle scuole del sistema nazionale di istruzione del territorio di competenza;
  • realizzazione di azioni di monitoraggio e di controllo sulla finalizzazione delle risorse destinate agli interventi finanziati attraverso i piani attuativi annuali;
  • predisposizione di relazioni annuali sul raggiungimento degli obiettivi della programmazione.


In data  8/6/2016 sono state siglate le nuove intese regionali sottoscritte da Regione Emilia Romagna, UPI, Legautonomie con FISM, CISPEL, Confcooperative, LegaCoop, Federazione Opere Educative sulle scuole dell'infanzia paritarie.

Obiettivo della Provincia per il prossimo triennio è quello di incentivare progetti che intercettino l’utenza 3-5 anni non scolarizzata, nel convincimento che la scuola dell’infanzia costituisca un diritto per tutti i bambini. La generalizzazione della scuola dell’infanzia nel servizio integrato è da estendere come garanzia di pari opportunità e di diritto allo studio.

Proprietà dell'articolo
modificato: mercoledì 5 ottobre 2016