Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

Progetto "Segnali di futuro: cittadinanza e lavoro"

Anche quest'anno la Provincia di Reggio Emilia ha ottenuto un finanziamentno , tramite la Legge Regionale n.14/08" Norme in materia di politiche per le nuove generazioni", realizzando un unico progetto "Segnali di futuro: cittadinanza e lavoro" che coinvolge i Comuni del nostro territorio tramite molteplici eventi sul tema del lavoro e della cittadinanzna attiva.

Gli obiettivi generali del progetto “Segnali di futuro: cittadinanza e lavoro” sono volti a legare il tema della cittadinanza dei giovani al tema del lavoro, volendo ribadire che questo è il fondamento ultimo del patto di convivenza sancito dalla Costituzione italiana, l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro (art. 1). Si tratta dunque di riagganciare il tema dell’essere cittadini a pieno titolo con il diritto ad avere un lavoro dignitoso, di ricordare che un lavoro dignitoso per tutti è il primo strumento di partecipazione e il principale presidio di legalità, anticorpo naturale rispetto alle possibili infiltrazioni mafiose.

Per le comunità locali promuovere la cultura della legalità e attivare tutto ciò che è nelle proprie possibilità per favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro sono due facce della stessa medaglia, due azioni che si tengono in un’unica cornice di partecipazione democratica alla vita sociale.

 “Segnali di futuro: tra cittadinanza e lavoro” prevede la progettazione di azioni ed eventi su tutto il territorio, includendo almeno due iniziative per ogni distretto in modo da coinvolgere in modo uniforme tutto il territorio provinciale.

La progettazione di dettaglio ha visto la partecipazione dei beneficiari finali ovvero la popolazione giovanile dai 10 ai 25 anni, poiché si vuole realizzare un’ azione di problem setting la cui priorità non sarà quella di trovare la soluzione ma di co-costruire il problema utilizzando una metodologia di “progettazione collettiva e partecipativa” che riconosca la pluralità dei punti di vista.

ProprietÓ dell'articolo
modificato: venerdý 4 maggio 2012