Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Ti trovi in:Home ╗ temi ╗ Scuola e UniversitÓ » Borse di studio

Bando Borse di Studio a.s. 2015/16

La Provincia di Reggio Emilia, in attuazione del Decreto del Presidente n. 5 del 14/01/2016 emana il seguente bando per la concessione di borse di studio ai sensi dell’art. 4 della L.R. 26 dell’8 agosto 2001 “Diritto allo studio ed all’apprendimento per tutta la vita. Abrogazione della L.R. 25 maggio 1999, n. 10” e delle delibere dell’Assemblea Legislativa n. 39 del 20/10/2015, di Giunta Regionale n. 2022 del 23/12/2013 e di Giunta Regionale n. 2009 del 10/12/2015.

Finalità
La Legge Regionale del 08/08/2001 n° 26 stabilisce all'art. 4 che "al fine di rendere effettivo il diritto allo studio e all'istruzione (...) la Regione interviene attraverso l'attribuzione di borse di studio agli alunni meritevoli e/o a rischio di abbandono del percorso formativo, in disagiate condizioni economiche e residenti sul territorio regionale".

 

Destinatari
Studenti delle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado del Sistema Nazionale di Istruzione (statali, private paritarie e paritarie degli EE.LL.) e studenti iscritti al 2° anno presso un organismo di formazione professionale accreditato per l’obbligo di istruzione che opera nel sistema regionale IeFP, residenti in Emilia-Romagna nella provincia di Reggio Emilia rientranti nella fascia di reddito di cui al punto immediatamente successivo, che risultino aver completato l'anno scolastico di riferimento.


Requisiti di partecipazione
 
Condizioni economiche
Ai fini dell'attribuzione della borsa di studio, le condizioni economiche delle famiglie vengono determinate facendo riferimento alle disposizioni di cui al DPCM 159/2013. Per l’anno scolastico 2015/2016 i potenziali beneficiari verranno individuati avendo a riferimento esclusivamente la situazione economica riferita all’anno 2014 della famiglia di appartenenza.
Per avere diritto all'erogazione della borsa di studio l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) del nucleo familiare del richiedente non potrà essere superiore a € 10.632,94. L'ISEE è valido dalla data di presentazione della DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) fino al 15 gennaio dell'anno successivo, pertanto L'ATTESTAZIONE ISEE VALIDA E' QUELLA RILASCIATA DOPO IL 15 GENNAIO 2016.


I soggetti preposti al rilascio dell'attestazione ISEE sono:

  • Comuni di residenza;
  • INPS sede di Reggio Emilia, Castelnovo nè Monti, Guastalla (a cui il cittadino può richiedere l’attestazione anche per via telematica direttamente, ai sensi della L. 183/10);
  • Centri di Assistenza Fiscale (CAAF) convenzionati con l'INPS.
Per la domanda di borsa di studio - a.s. 2015/2016 il valore ISEE si intende calcolato con riferimento ai redditi complessivi lordi ai fini IRPEF dell’anno 2014 (Modelli CUD/730/UNICO 2015).

Residenza
  • residenza in provincia di Reggio Emilia
  • residenza nella regione Emilia Romagna; 
  • In ottemperanza alla delibera di Giunta Regionale 2022 del 23 dicembre 2013 e alla delibera di Giunta Regionale 243 del 16 marzo 2015, gli alunni immigrati privi di residenza si considerano residenti nel Comune in cui sono domiciliati.

Completamento anno scolastico

La borsa di studio verrà erogata solo a coloro che risulteranno aver completato l'anno scolastico in corso (a.s. 2015/2016).

Merito
Il merito non è condizione di partecipazione, ma l’aver conseguito nell’anno scolastico precedentemente frequentato (a.s. 2014/2015) la media dei voti pari o superiore a 7 dà diritto ad una borsa di studio di importo maggiorato del 25% rispetto a chi non ha conseguito tale media.

Per gli studenti in situazione di handicap certificato ai sensi della normativa vigente, si prescinde dal requisito del merito. Tali studenti, pertanto, avranno comunque diritto alla borsa di studio di importo più elevato, fermo restando il requisito economico e il completamento dell’anno scolastico di riferimento.

Cause di esclusione
Lo studente viene escluso dal beneficio della Borsa di Studio nei seguenti casi:
  • qualora il richiedente (genitore o chi per esso) non abbia ottenuto idonea attestazione ISEE registrata nella banca dati INPS
  • se il valore ISEE del nucleo familiare supera € 10.632,94, valore corrispondente al tetto massimo della fascia ISEE
  • se frequentante una scuola nella provincia di Reggio Emilia ma residente in un'altra Regione
  • se la domanda è stata presentata dopo la data di scadenza del presente bando
  • se lo studente non ha completato l’anno scolastico 2015/2016

Importo delle Borse di Studio
L'importo unitario delle Borse di Studio sarà determinato a consuntivo, sulla base del rapporto tra il numero complessivo delle domande ammissibili e le risorse disponibili, tenuto conto della maggiorazione del 25% spettante ai beneficiari che soddisfano il requisito del merito o in situazione di handicap certificato.

Modalità di presentazione delle domande
La domanda sarà redatta in forma chiara e leggibile, in stampatello, su apposito modulo e resa in autocertificazione ai sensi del D.P.R. 445/2000 (e successive modifiche ed integrazioni), relativamente ai dati inerenti gli aspetti conoscitivi dello studente, del richiedente e la situazione economica.
La domanda sarà datata e firmata dai genitori, da chi ha la rappresentanza legale dello studente o dallo studente maggiorenne, in presenza dell’addetto alla Segreteria della Scuola che riceve la domanda, previa esibizione allo stesso di un documento d’identità.
La domanda potrà essere datata e firmata a parte e poi consegnata alla Segreteria Scolastica o dell'Ente di Formazione, allegando fotocopia di un documento di identità.

Il modulo di domanda è disponibile presso:
  • la scuola frequentata;
  • gli Enti di Formazione Professionale che operano nel sistema IeFP;
  • il Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale della Provincia di Reggio Emilia;
  • il sito Internet della Provincia di Reggio Emilia http://scuola.provincia.re.it

 

Le domande compilate dovranno essere consegnate entro e non oltre la data di scadenza riportata nel presente bando (pena esclusione dall’istruttoria) alla Segreteria della Scuola frequentata o dell'Ente di Formazione frequentato, che provvederanno a trasmetterle al Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale della Provincia di Reggio Emilia.
 

Termine di presentazione delle domande e pubblicazione degli esiti

 

Il termine ultimo e tassativo per la presentazione delle domande
per la concessione delle Borse di Studio è fissato:
alle ore 13:00 di venerdì 4 MARZO 2016
Gli esiti delle domande presentate saranno disponibili entro 180 giorni dalla data di scadenza del bando:
  • presso il Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale della Provincia di Reggio Emilia;
  • presso le Segreterie delle scuole secondarie di secondo grado;
  • presso gli Enti di Formazione Professionale che operano nel sistema regionale IeFP;
  • sul sito della Provincia http://scuola.provincia.re.it
Ai sensi dell'art. 10 bis della Legge 241/90, e successive modifiche ed integrazioni, prima della formale adozione di un eventuale provvedimento negativo, saranno comunicati tempestivamente ai richiedenti i motivi che ostano all’accoglimento della domanda.
Entro il termine di dieci giorni dal ricevimento della comunicazione, i richiedenti hanno il diritto di presentare per iscritto le loro osservazioni, eventualmente corredate da documenti. Trascorso tale termine verrà adottato il provvedimento di esclusione definitiva.


Accertamenti e sanzioni
Ai sensi del DPCM 159/2013, art. 11, punto 6), viene stabilito che gli enti erogatori eseguono tutti i controlli necessari, diversi da quelli già effettuati ai sensi dell’art. 10, commi 7 e 8 del medesimo Decreto, sulle informazioni auto dichiarate dal dichiarante, avvalendosi degli archivi in proprio possesso, nonché i controlli di cui all’art. 71 del DPR 445/2000 e ss.mm.ii., e provvedono ad ogni adempimento conseguente alla non veridicità dei dati dichiarati, inclusa la comunicazione all’INPS di eventuali dichiarazioni mendaci.

Anche in esito a tali controlli, gli enti erogatori possono inviare all’Agenzia delle Entrate una lista di beneficiari ai fini della programmazione dell’attività di accertamento della Guardia di Finanza.

L’ente erogatore potrà inoltre effettuare controlli anche nei casi seguenti:
  • presenza nella dichiarazione presentata di omissioni o difformità rilevate dall’INPS per il tramite dell’Agenzia delle Entrate, richiedendo idonea documentazione atta a dimostrare la completezza e la veridicità dei dati indicati nella dichiarazione (art. 5 del DPCM 159/2013);
  • a campione in tutti i casi in cui vi siano fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni rese dal richiedente in autocertificazione, anche dopo aver erogato la borsa di studio.

E' facoltà dell’Ente erogatore sospendere dal pagamento della borsa di studio i beneficiari sottoposti alla procedura di controllo e procedere all’effettiva erogazione del beneficio solamente nel caso in cui le dichiarazioni saranno risultate veritiere.

Sanzioni amministrative
Qualora il richiedente presenti dichiarazioni non veritiere o non venga esibita la documentazione richiesta nell’ambito dei controlli previsti, i contributi economici concessi vengono revocati e sarà effettuato il recupero delle somme eventualmente già erogate.

Sanzioni penali
Nel caso di dichiarazione non veritiera, l’Ente erogatore segnalerà il fatto all’Autorità Giudiziaria affinché rilevi l’eventuale sussistenza dei seguenti reati:
  • falsità materiale, ovvero formazione di atto falso o alterazione di atto vero (art. 482 c.p.)
  • falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico (art. 483 c.p.)
  • uso di atto falso (art. 489 c.p.)
  • falsa attestazione ad un pubblico ufficiale sulla identità e sulle qualità personali proprie o altrui (art. 495 c.p.)
  • truffa ai danni dello Stato o ad altro Ente Pubblico (artt. 640 e 640 bis c.p.)
Richieste di riesame e ricorsi
Eventuali richieste di riesame della propria situazione possono essere inoltrate (anche a mezzo fax n. 0522/444.822) al Responsabile del Procedimento sotto indicato.
Eventuale ricorso può essere presentato in sede giurisdizionale al Tribunale Amministrativo dell’Emilia-Romagna (TAR) entro 60 giorni dalla comunicazione degli esiti ovvero, ricorrendone i presupposti, può essere presentato ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla pubblicazione medesima.
 
Erogazione e pagamenti
L'erogazione delle Borse di Studio ai beneficiari, sulla base dell'esito dell'istruttoria e degli accertamenti effettuati ai sensi del DPCM 159/2013 sarà curata dalla Provincia di Reggio Emilia.

Il pagamento delle borse di studio avverrà solo in seguito al trasferimento da parte della Regione alla Provincia degli importi che, a consuntivo della procedura, risulteranno necessari. La modalità di pagamento sarà quella scelta dal richiedente al momento della presentazione della domanda.

Qualora il richiedente cambiasse indirizzo successivamente alla data di sottoscrizione della domanda, sarà suo onere comunicarlo per iscritto tempestivamente: all’UFFICIO BORSE DI STUDIO del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale della Provincia di Reggio Emilia utilizzando l'indirizzo e-mail borsedistudio@provincia.re.it o tramite fax n. 0522/444.822.

Sarà declinata ogni responsabilità qualora non risultasse possibile contattare per posta il richiedente all'indirizzo da quest'ultimo indicato sul modulo di domanda.

Responsabile unico del procedimento
Ai sensi della L. 241/1990 e successive modificazioni e integrazioni, il Responsabile Unico del Procedimento per la Provincia di Reggio Emilia è l'ing. Verter Eletti, Dirigente del Servizio Programmazione Scolastica, Educativa ed Interventi per la Sicurezza Sociale.
   
 
Informazioni

    Ulteriori informazioni in merito al presente bando sono reperibili presso:

    Informazioni generali
    ProprietÓ dell'articolo
    autore: Silvia Ballabeni
    modificato: giovedý 22 settembre 2016