Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

Presentazione delle Carte sul Rischio sismico al Convegno del Gruppo Nazionale di Geofisica della Terra solida

I geologi dell’U.O. Difesa del Suolo e Protezione Civile, assieme ai componenti del Gruppo di Lavoro costituito per l’adeguamento del nuovo PTCP alle recenti normative, hanno presentato i risultati degli studi compiuti al 26° Convegno Nazionale del Gruppo Nazionale di Geofisica della Terra Solida (GNGTS) che è tenuto a Roma presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), nei giorni 13-15 novembre 2007
L’U.O. Difesa del Suolo e Protezione Civile, assieme ai componenti del Gruppo di Lavoro costituito per l’adeguamento del nuovo PTCP alle recenti normative antisismiche (Dott. Martelli - Servizio Geologico Sismico e dei Suoli della regione e Dott. Mazzetti - consulente esterno), ha presentato i risultati degli studi compiuti al 26° Convegno Nazionale del Gruppo Nazionale di Geofisica della Terra Solida (GNGTS) che si terrà a Roma, presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), nei giorni 13-15 novembre 2007.

Scopo della sessione del convegno  è quello di raccogliere possibili interventi relativi alla messa a punto o all’analisi critica dei contributi che la sismologia fornisce al pianificatore territoriale, con riferimento agli studi del territorio a scala locale (microzonazione sismica). Di particolare rilievo è stato il confronto tra le diverse procedure sperimentali utilizzabili allo scopo, la determinazione del relativo rapporto costi/benefici e delle possibilità di trasferimento agli operatori presenti sul territorio.

L’U.O. Difesa del Suolo e Protezione Civile, nell’ambito della realizzazione del nuovo PTCP, ha costituito un apposito Gruppo di lavoro per la cartografia della pericolosità sismica locale e la formulazione di indicazioni sugli approfondimenti da realizzare in fase di pianificazione comunale per la mitigazione della pericolosità sismica.

Sulla base dei dati geologici e topografici disponibili, seguendo la procedura descritta nella direttiva regionale, è stata realizzata, tramite GIS, la cartografia delle aree soggette ad effetti locali di tutto il territorio provinciale.

Queste carte, insieme ai documenti di base utilizzati, costituiscono parte del Quadro Conoscitivo del PTCP. Essi forniscono già indicazioni utili per la pianificazione in quanto individuano le diverse situazioni geologiche e morfologiche che possono determinare effetti locali.

Dall’analisi delle combinazioni risultanti si evince, però, che per alcune di queste sono attesi uguali effetti. E’ stata quindi elaborata, tramite GIS, un’ulteriore carta, redatta quale elemento costitutivo del Piano, nella quale le varie combinazioni lito-morfologiche sono state accorpate in base gli effetti attesi. Ne è derivata una cartografia più semplice e di immediata applicazione per la pianificazione, poiché sintetizza i dati di superficie e di sottosuolo in una sola carta che non richiede specifiche conoscenze geologiche.

Proprietà dell'articolo
modificato: mercoledì 14 novembre 2007