Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

Esperimento Sismico di Cavola

Pubblicati su Annals of Geophysics i risultati dell'esperimento condotto fra il 2003 e il 2005 per lo studio della sismicità.

Nel 2003 la Provincia di Reggio Emilia ha stipulato una convenzione con la Provincia di Modena, il Comune di Toano (Re), la Regione Emilia Romagna – Servizio geologico, sismico e dei suoli e l’INGV con lo scopo di approfondire le conoscenze in materia di terremoti in un'ottica sia di Pianificazione Territoriale che di Emergenza.

Fra gli obiettivi della Convenzione:

1-      Ottimizzazione rete nazionale INGV nel territorio delle due province;

2-      Realizzazione di esperimenti per lo studio degli effetti di amplificazione locale e il monitoraggio più dettagliato della sismicità tramite l’installazione di una rete sismica temporanea.

3-      Gestione dell'informazione volta ad aumentare il livello di conoscenza sui fenomeni sismici, sia per quanto riguarda la Difesa del Suolo per gli studi di miscrozonazione sismica, sia -in futuro- in tema di Protezione Civile per la progettazione di un piano di emergenza di Protezione Civile per il territorio della Province di Modena e Reggio Emilia.

 

Il sito individuato dalle Province di Modena e Reggio Emilia e dalla Regione Emilia-Romagna per l'esecuzione dell'esperimento è stato una porzione laterale della frana di Cavola di Toano, poichè le caratteristiche geologiche del corpo franoso sono comuni a gran parte del territorio della Regione Emilia-Romagna, sia urbanizzato che agricolo. Inoltre, questo corpo franoso rappresenta uno dei più estesi del territorio provinciale, con una storia evolutiva documentata fin dagli anni '60.

 

Le indagini sono state eseguite tramite prove geofisiche di down-hole con l'acquisizione di dati relativi alla velocità delle onde "p" ed "s" e con la registrazione del rumore sismico di fondo attraverso una rete di 95 sismometri. E' quindi stato possibile ricostruire la stratigrafia sismica del corpo di frana e studiare la risposta locale delle onde di superficie.

 

I risultati dello studio sono stati esposti in un articolo, Cavola experiment sit: geophysical and deployment of dense seismic array on landslide, pubblicato su Annals of Geophysics.

Proprietà dell'articolo
modificato: martedì 7 ottobre 2008