Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

FORMAZIONE PROFESSIONALE:

una scelta qualificata per entrare nel mondo del lavoro

Il recente Osservatorio sugli sbocchi occupazionali del sistema formativo a Reggio Emilia, realizzato dalla Provincia, ha confermato la validità del sistema della formazione professionale reggiana.

Dalla ricerca sul campo è emersa ancora una volta quella funzione strategica che essa ha avuto fin dagli anni cinquanta nel mettere a disposizione dei settori produttivi provinciali, privati, pubblici e cooperativi; risorse umane altamente qualificate, necessarie per la competitività, il benessere e la coesione sociale del territorio.

Oggi, la formazione professionale è unanimemente considerata una leva strategica indispensabile per lo sviluppo futuro di persone e imprese operanti all'interno di società in costante cambiamento.

Nella nostra provincia agiscono soggetti formativi di provata qualità in grado di competere, collaborare ed integrarsi al contempo, favoriti in questo da specifiche politiche formative dell'amministrazione provinciale, integrate a loro volta tra loro e con i servizi per il lavoro.

Rilevanti sono i numeri dei formati ogni anno dal nostro sistema della formazione professionale: nel 2004 più di 13.200 allievi in quasi 700 progetti formativi, sviluppati da circa 25 enti di formazione accreditati dalla Regione Emilia-Romagna, per un importo complessivo di 12,5 milioni di Euro, la stragrande maggioranza di provenienza comunitaria (Fondo Sociale Europeo).

Ragazze e ragazzi, giovanissimi e adulti, immigrati, svantaggiati, ultra quaranticinquenni, disabili, diplomati, laureati, lavoratori atipici, lavoratori in produzione, disoccupati, ecc., sono la caleidoscopica platea della formazione professionale.

Ricchissima dunque l'eterogeneità delle persone che a vario titolo intraprendono percorsi formativi, grazie alle molte opportunità di un sistema che nella sua capacità di saper accogliere e valorizzare forti diversità: anagrafiche, professionali, etniche, sociali, di genere, diversamente abili, nonché nel saper flessibilmente rispondere specialisticamente alle cangianti richieste del mondo del lavoro raccordandosi con le imprese e con la scuola; ha scolpito i suoi principali tratti caratterizzanti. 


Proprietà dell'articolo
modificato: giovedì 26 novembre 2009