Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

Riconoscimento del titolo di studio

Come farsi riconoscere un titolo di studio conseguito all'estero

 

 

LA SCUOLA ITALIANA

In Italia dai 5 anni e mezzo o dai 6 anni si deve andare a scuola.
Per 5 anni si frequenta la SCUOLA PRIMARIA; per altri 3 anni si frequenta la SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO che, al termine, prevede l'Esame di Stato.
La scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado vengono denominate PRIMO CICLO.

Dopo la Scuola Secondaria di Primo Grado hai il Diritto Dovere di proseguire nella tua formazione fino a 18 anni: puoi infatti seguire un percorso di istruzione/formazione:

  • se hai meno di quindici anni ® iscrizione ad una SCUOLA secondaria di secondo grado con la frequenza di un corso di studi della durata di tre o cinque anni
  • se hai tra i 15 e 18 anni  ®  iscrizione ad una SCUOLA secondaria di secondo grado con la frequenza di o di un corso di studi della durata di tre o cinque anni oppure iscrizione ad un CORSO di formazione  professionale
  • Dopo i 15 anni si può anche decidere di andare a lavorare con un contratto di APPRENDISTATO o con altri contratti di lavoro previsti dalle leggi in vigore.

Questi percorsi consentono di formarsi fino ai 18 anni e vengono denominati SECONDO CICLO.

Perché è utile farsi riconoscere il titolo di studio?

Per cercare un lavoro, per frequentare un corso di formazione professionale, per iscriverti all'università.

COSA DEVI FARE PER FARTI RICONOSCERE IL TITOLO DI STUDIO

Prima di tutto devi confrontare il sistema scolastico del tuo Paese con il sistema scolastico italiano. Un titolo di studio conseguito all'estero ha valore solo se ottiene il riconoscimento dalle autorità italiane competenti. 

SE NON HAI LA CITTADINANZA ITALIANA 

  • riconoscimento dell'obbligo scolastico (diploma di superamento dell'esame di stato a conclusione della scuola secondaria di primo grado)

Puoi ottenere la dichiarazione di assolvimento dell'obbligo scolastico solo se hai frequentato un percorso di studi di pari grado e durata o di grado superiore nel tuo paese di origine e se sei in possesso della dichiarazione di valore rilasciata dall'ambasciata o consolato italiano del tuo paese di origine.

Devi presentare questi documenti presso l'Ufficio Scolastico Provinciale U.S.P in Via Mazzini, 6 a Reggio Emilia al Responsabile del Servizio l’Avvocato Italo Cavani , tel. 0522.407629 – cell. 328 2124054.

  • riconoscimento del diploma di scuola secondaria di secondo grado

I cittadini non comunitari (senza cittadinanza italiana) non possono ottenere la certificazione di equipollenza del titolo di studio conseguito nel paese di origine.

Per poter utilizzare il tuo titolo di studio devi possedere uno o entrambi i documenti sotto indicati:

- dichiarazione di valore del tuo titolo di studio, è un documento ufficiale che descrive un diploma o una laurea conferita ad una persona da scuola o università di un paese non italiano. Si richiede solo all'ambasciata o consolato italiano del tuo paese di origine.

In ambasciata o consolato puoi richiedere anche la traduzione integrale del titolo, delle materie studiate, degli anni di frequenza, esami sostenuti, votazione ottenuta e ogni altra documentazione utile rilasciata dall'istituto scolastico che hai frequentato nel tuo paese di origine.

Se non possiedi questa traduzione puoi fare una traduzione giurata di tutti questi documenti presso un tribunale italiano.

- TRADUZIONE GIURATA in lingua italiana del tuo titolo di studio, documento rilasciato esclusivamente da un tribunale italiano. 

SE HAI LA CITTADINANZA ITALIANA 

  • riconoscimento dell'obbligo scolastico (diploma di superamento dell'esame di stato a conclusione della scuola secondaria di primo grado)

Puoi ottenere la dichiarazione di assolvimento dell'obbligo scolastico solo se hai frequentato un percorso di studi di pari grado e durata o di grado superiore nel tuo paese di origine e se sei in possesso della dichiarazione di valore rilasciata dall'ambasciata o consolato italiano del tuo paese di origine.

  • riconoscimento del diploma di scuola secondaria superiore di secondo grado

I cittadini comunitari possono ottenere la certificazione di equipollenza del titolo di studio.

PER OTTENERE LA DICHIARAZIONE DI EQUIPOLLENZA

devi presentare la seguente documentazione:

a)       domanda di equipollenza con il diploma di scuola secondaria di  1° o 2° grado (vedi www.istruzionereggioemilia.it);

b)          cittadinanza comunitaria (ne sono in possesso i cittadini di Stati membri dell’Unione Europea, ai sensi delle modifiche apportate all’art. 379 del D.L.vo n. 297 del 16 aprile 1994 dall’art. 13 della Legge n. 29 del 25 gennaio 2006 “Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità Europee”)

c)          certificato di cittadinanza italiana (solo per i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea);

d)          età non inferiore a 18 anni alla data del riconoscimento dell’equipollenza;

e)           titolo di studio rilasciato dalla scuola straniera, in originale o copia autenticata, accompagnato dalla traduzione  in lingua italiana – certificata conforme al testo straniero dall’autorità diplomatica o consolare italiana del paese di provenienza o da un traduttore ufficiale o dalla rappresentanza diplomatica o consolare del paese dove il documento è stato formato, operante in Italia - ovvero mediante giuramento reso presso una Pretura civile dalla persona che ha eseguito la traduzione; legalizzazione della firma del Capo d’Istituto che ha rilasciato il titolo suddetto, da parte dell’Autorità diplomatica o consolare italiana operante  nel Paese straniero dove il documento è stato conseguito;

f)             dichiarazione di valore rilasciata dall’autorità diplomatica o consolare italiana indicante:

  • la posizione giuridica dell’istituto o della scuola frequentata all’estero (se statale, legalmente riconosciuta o privata, con chiara indicazione del gestore della scuola stessa);
  • il valore degli studi compiuti all’estero (durata, ordine e grado degli studi ai quali il titolo si riferisce, secondo l’ordinamento scolastico vigente nel Paese in cui è stato conseguito);
  • la validità ai fini della prosecuzione degli studi, dell’assunzione a posti di lavoro o di impiego;
  • il sistema di valutazione (minima e massima) usato nelle scuole estere dove si sono svolti gli studi.

g)          atti e documenti idonei a provare la conoscenza della lingua italiana ai fini dell’eventuale esenzione dalla prova integrativa d’italiano quali: attestazioni di frequenza a corsi con insegnamento della lingua italiana, possesso di un titolo di studio che comprenda l’italiano fra le materie classificate, prestazioni lavorative presso istituzioni o ditte o aziende italiane…;

e)     solo per i cittadini italiani per matrimonio: certificato di cittadinanza del paese straniero di origine rilasciato prima del matrimonio oppure certificato dove risulti la condizione di cittadino straniero precedente al matrimonio rilasciato dall’autorità competente del paese straniero d’origine o dall’autorità diplomatica o consolare del predetto paese operante in Italia; certificato di matrimonio;

f)       solo per i cittadini italiani per naturalizzazione: decreto di naturalizzazione,

e, solo per la domanda di equipollenza con il diploma di scuola  secondaria di 2° grado):

  • programma delle materie rilasciato dalla scuola o dalle competenti autorità educative nazionali o locali  straniere tradotto in lingua italiana (come sopra specificato per la traduzione del diploma) o desunto dalle autorità diplomatiche o consolari dalle pubblicazioni ufficiali dei relativi stati esteri;
  • curriculum degli studi redatto dall’interessato e distinto per anni scolastici indicante:
  • le materie studiate per ciascuna classe frequentata con esito positivo;
  • l’esito favorevole degli esami finali;
  • le eventuali esperienze di lavoro maturate in connessione con il titolo di studio.

g) ogni altro titolo o documento (tradotto in italiano) che il richiedente ritenga utili presentare a prova dei dati del curriculum studi.

h) elenco in duplice copia dei documenti presentati.

NOTE IMPORTANTI

CORRISPONDENZA DEI CORSI E DEI TITOLI DI STUDIO 

L’equipollenza con un Diploma italiano di superamento dell’esame di Stato conclusivo dei corsi di studio di Istruzione secondaria Superiore:

  • liceo classico
  • liceo scientifico
  • liceo psicopedagogico
  • liceo linguistico

 ovvero:

  • Diploma di istituto tecnico
  • Diploma di istituto professionale

può essere disposta soltanto nei riguardi di corrispondenti titoli finali di studi stranieri dell’istruzione secondaria superiore.

L’equipollenza con titoli intermedi ha valore solo ai fini della prosecuzione degli studi.

L’equipollenza per titoli finali conseguiti da candidati privatisti potrà essere richiesta quando i titoli siano stati conseguiti alle stesse condizioni previste dall’ordinamento italiano.

Non potrà essere richiesta equipollenza per titoli inerenti alle arti e professioni ausiliarie sanitarie, per le quali esiste normativa speciale.

Devi presentare questi documenti, la domanda compilata  (puoi scaricarla dal sito www.provvstudi.reggioemilia.it) e due marche da bollo da 14,66 euro presso l'Ufficio Scolastico Provinciale U.S.P in Via Mazzini, 6 a Reggio Emilia, Responsabile del Servizio l’Avvocato Italo Cavani , tel. 0522.407629 – cell. 328 2124054 .

 

Come ottenere la Traduzione Giurata

del Titolo di Studio

La prima cosa che devi fare è trovare qualcuno che conosca bene la tua lingua e conosca la lingua italiana: può essere un parente, un amico, una persona che conosci,  un sindacato, un’ agenzia di traduzione, l'importante è che sia in regola con i documenti di identità ed il permesso di soggiorno. Questa persona dovrà tradurre per iscritto il documento originale che certifica il tuo percorso di studi.

La persona che ha fatto la traduzione, dovrà recarsi al tribunale di Reggio Emilia, presso la Cancelleria Uffici servizi Amministrativi, primo piano, stanza 1AD1 aperta al pubblico dalle ore  9,30 alle 13 tutti i giorni escluso il sabato, il martedì anche dalle 15.00 alle 17.00, presentando i seguenti documenti:

  • titolo di studio in originale
  • una fotocopia del titolo
  • la traduzione del titolo
  • la carta di identità del traduttore
  • il permesso di soggiorno e/o la carta di soggiorno del traduttore

Davanti al cancelliere, il traduttore giurerà di aver tradotto in maniera fedele dall'originale, il tribunale rilascerà il verbale di tale giuramento.

I costi di cancelleria sono:

  • una marca da bollo di 14.62 euro ogni 4 facciate dattiloscritte della traduzione
  • una marca da bollo di 3.54 euro per marca da bollo da apporre sul verbale del giuramento ed iscrivere sul registro cronologico del tribunale di Reggio Emilia.

Se ti rivolgi ad un altro tribunale italiano, devi verificare la procedura per la traduzione del tuo titolo di studio presso quel tribunale.

I sindacati offrono supporto per ottenere la traduzione del tuo titolo di studio. Viene richiesta la quota di iscrizione al sindacato stesso e i costi della procedura.
Per informazioni sui traduttori puoi rivolgerti a:

Esistono anche delle agenzie di traduzione dedicate a questo servizio.
 

SE POSSIEDI UN TITOLO UNIVERSITARIO 

E' possibile farsi riconoscere un titolo straniero di livello universitario se ci sono le seguenti condizioni:

il tuo titolo di studio deve essere stato rilasciato all'estero da una università o altre istituzioni di livello universitario riconosciute dal governo del paese di origine

  • deve essere un titolo ufficiale  rilasciato da una università o da altra istituzione di livello universitario che appartenga al sistema educativo ufficiale (riconosciuto nel paese di origine)
  • deve essere un titolo finale di 1°, 2°, o 3° ciclo (bachelor-level, master-level, o più avanzato) valido per svolgere una attività lavorativa nel paese che lo ha rilasciato
  • deve esistere un titolo italiano con cui si possa comparare il titolo estero.

Queste condizioni valgono per i titoli di istruzione superiore di qualsiasi paese (paesi europei ed extra-europei) indipendente dalla nazionalità di chi li possiede.

Le università italiane, nella loro autonomia, valutano i titoli accademici, allo scopo di rilasciare analogo titolo italiano analizzando e decidendo a ogni singolo caso in modo unico.

Per sapere come ottenere il riconoscimento della tua laurea puoi rivolgerti al CIMEA, Centro di Informazione sulla Mobilità e le Equivalenze Accademiche riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione (Viale XXV Aprile, 36 Roma Tel. 06/86321281 Fax 06/86322845 Sito: www.cimea.it).
In alternativa ti puoi rivolgere direttamente ad un ateneo dove risulta un corso di studi comparabile con quello completato nel tuo paese.

 

 

RICONOSCIMENTO TITOLI DI STUDIO IN AMBITO SANITARIO

 

Se hai conseguito all’estero un titolo professionale dell’area sanitaria ed intendi esercitare la professione in Italia, puoi ottenere dal Ministero della Salute il riconoscimento del titolo.

La documentazione da produrre è diversa a seconda che si tratti di titolo conseguito in un paese dell'Unione Europea o in un paese extra Unione Europea.

 

L'elenco dei documenti è disponibile sul sito del Ministero della Salute.

 

Alla documentazione dovrà essere allegata la domanda sottoscritta dall'interessato, utilizzando  i modelli diversi disponibili sempre sul sito del Ministero della Salute.

 

-          www.ministerosalute.itprofessioni sanitarie → riconoscimento titoli

 

  1. Diritto di stabilimento (riconoscimento di un titolo acquisito in un Paese dell'Unione Europea )
  2. 2.      Riconoscimento di un titolo acquisito al di fuori della comunità europea.

Tutti i cittadini, comunitari e non comunitari, in possesso di titoli stranieri conseguiti in un Paese non comunitario, per ottenere l'autorizzazione all'esercizio professionale in Italia, devono presentare domanda per il riconoscimento del titolo anche se già riconosciuto in un altro Paese dell’Unione Europea.

La documentazione deve essere inviata direttamente al Ministero della Salute, Dipartimenti Professioni Sanitarie,  Piazzale Industria 20, 00144 Roma

 

 

 

 Per sapere se e come puoi ottenere il riconoscimento della tua laurea devi rivolgerti al CIMEA (viale XXI Aprile,36 Roma tel. 06.86321281

fax 06.86322845 - e-mail cimea@fondazionerui.it).

Il Cimea è il Centro di Informazione sulla Mobilità e le Equivalenze Accademiche.

Rivolgendoti al Cimea per lettera, per telefono, per posta elettronica o su appuntamento puoi chiedere come fare e che documenti servono per ottenere il riconoscimento della tua laurea.

ProprietÓ dell'articolo
modificato: venerdý 12 aprile 2013