Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

EMANZIPAR - per una partecipazione attiva delle nuove generazioni

La delegazione reggiana (e londinese) a Zaragoza (ES), 7 novembre 2008
La delegazione reggiana (e londinese) a Zaragoza (ES), 7 novembre 2008
Il progetto EMANZIPAR, di cui la Provincia di Reggio Emilia è partner, è stato approvato nel dicembre 2007 dalla Commissione europea nell'ambito del Programma europeo Gioventù in Azione (Progetti Pilota).
 
Iniziato nel gennaio 2008 il progetto pilota ha sviluppato le sue attività partendo da una considerazione: uno dei principali problemi a cui sta facendo fronte l'Unione europea è la limitata partecipazione dei giovani nella politica. Questa situazione è allarmante (anche solo se prendiamo in considerazione il concetto fondamentale che fa dei giovani la base per il futuro sviluppo dell'Unione europea). 
 
Il progetto EMANZIPAR ha messo così in comune un'ampia raccolta d'idee, esperienze e modalità per stimolare l'attiva partecipazione dei giovani nei processi di rappresentanza democratica a livello locale, nazionale ed internazionale.

PARTNER
del progetto, oltre alla Provincia, erano:
Aragonese Association of Local Authorities - ASAEL (Spagna) Leader del progetto, Auxilium - Non-profit organization (Austria), Business and Development Center - Non-profit Consulting Firm (Polonia), Association of the Local Democracy Agencies - Non-profit organization (Francia), Local Councils Association National - Non-profit Organization (Malta), Bauska District Council - State Institution (Lettonia), BalticFem - Non-profit Organization (Svezia), Youth Engagement Service - Local Government Organisation (Inghilterra), Larnaca District Development Agency - Non-profit Organization (Cipro).
 
Con questa iniziativa, si vuole che i giovani, in particolar modo quelli delle aree rurali, si sentano di appartenere ad una Cittadinanza europea comprendendo l'importanza di un loro impegno per una rappresentanza democratica: farli diventare consapevoli dei benefici derivanti dall'essere cittadini dell'Unione europea.
 
Gli OBIETTIVI del progetto erano quindi:
  1. Promuovere la cittadinanza europea attiva dei giovani con una particolare attenzione alla promozione delle pari opportunità combattendo la violenza di genere.
  2. Diffondere le iniziative ed i progetti esistenti.
  3. Favorire la cooperazione europea.
  4. Facilitare la partecipazione dei giovani con disabilità.
Prendendo in considerazione i diversi obiettivi del progetto EMANZIPAR si è così deciso di creare un network a livello europeo che promuova la partecipazione dei giovani nella politica e la promozione delle pari opportunità.
 
Il TARGET di riferimento del progetto era formato da:
  • Funzionari delle varie autorità locali coinvolte nel progetto che si occupano di politiche giovanili.
  • Responsabili locali della promozione delle politiche giovanili.
  • Membri di associazioni e ONG.
  • Associazioni giovanili.
  • Insegnanti (in particolar modo provenienti dalle aree rurali).
  • Giovani cittadini in generale.
Le ATTIVITA' previste sono invece:
  • Realizzazione di 10 workshop formativi e informativi (uno per ogni partner del progetto). A Reggio Emilia si è svolto il 29 ottobre con la partecipazione di oltre 70 persone tra giovani e operatori del settore.
  • Organizzazione del Seminario europeo di contatto a Saragozza. Il Seminario si è svolto il 7 novembre 2008 con la partecipazione di delegazioni di tutti i 10 paesi coinvolti in EMANZIPAR. Per la Provincia di Reggio Emilia erano presenti 10 persone rappresentanti 5 delle 10 buone pratiche censite per l'Italia.
  • Sviluppo di una specifica pagina web (www.emanzipar.eu)
  • Manuale con gli esempi di buone pratiche (100 per l'intero progetto, 10 per ogni partner).
I RISULTATI ottenuti alla fine del progetto sono stati i seguenti:
  • La disponibilità di un sito web apposito.
  • La creazione di un network europeo tra le autorità locali coinvolte nel progetto per la promozione di una Cittadinanza europea attiva.
  • Ottenere un "cambio di mentalità" tra i soggetti coinvolti nel progetto rendendoli consapevoli di appartenere ad una cittadinanza europea.
  • La diffusione del progetto tra tutti i giovani delle aree geografiche coinvolte.
  • Una migliore la comprensione dei benefici di sentirsi e dell'essere parte dell'Unione europea.

Il progetto si è concluso nel dicembre 2008

Proprietà dell'articolo
modificato: mercoledì 14 ottobre 2009