Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

Aiuti al Sud Est Asiatico

Il progetto di sostegno alle popolazioni colpite dallo Tsunami del dicembre 2004.
La devastazione del dopo Tsunami
La devastazione del dopo Tsunami
Il progetto di aiuti al Sud Est asiatico è nato pochi giorni dopo il verificarsi della tragedia dello tsunami, il 26 dicembre 2004.

La Provincia di Reggio Emilia, assieme ai comuni, alle associazioni del territorio, ai singoli cittadini e al Tavolo del lavoro, ha infatti messo in piedi un progetto che non intervenisse tanto sull’emergenza, quanto sulla ricostruzione e il ripristino della normalità nelle condizioni di vita.
 
Assieme a Reggio, ben  presto, hanno iniziato a lavorare anche i tavoli delle Provincie di Parma e Rimini. Il progetto rappresenta quindi uno sforzo corale di tre territori, coordinati dalla nostra provincia, che hanno cercato di dare una risposta ai bisogni delle popolazioni colpite dal maremoto.
Ad oggi si sono ormai conclusi i lavori di ricostruzione delle tre scuole dell’infanzia che il tavolo provinciale di coordinamento di Reggio Emilia, assieme alle Provincie di Parma e Rimini, sta realizzando in Sri Lanka, nel distretto di Trincomalee.
Ogni Provincia si occupa di seguire da vicino la costruzione di una delle tre preschool: Reggio interviene nel villaggio di Poonogar, Parma in quello di Mavadichchenaiv, Rimini in quello di Nallur.
L’intensificarsi delle attività di ricostruzione a Trincomalee, grazie anche all’avvio di un periodo di relativa tranquillità in quelle zone, ha coinciso anche con la sottoscrizione del Protocollo d'Intesa tra il tavolo del lavoro (associazioni degli imprenditori e sindacati) e la Provincia. Il protocollo affida al tavolo del lavoro l’onere di sostenere il 50% dei costi relativi alla realizzazione del primo dei progetti previsti.

La Provincia di Reggio Emilia ha infatti raccolto circa 240mila euro; al progetto ha partecipato anche la Provincia dell’Enzkreis che ha versato 17mila euro.
Somme analoghe sono state raccolte anche dalle provincie di Parma e Rimini, e questo permetterà di intervenire anche in altre parti del territorio colpite dallo tsunami.

Si stanno adesso valutando nuovi possibili progetti, portati avanti in Sri Lanka dall’ONG GVC - Gruppo Volontariato Civile (partner nel progetto di ricostruzione a Trincomalee), che hanno sempre come obiettivo principale quello di dare un sostegno alla ripresa della normalità di vita, rivolto anche in questo caso ai bambini e alle donne.
 
Per ulteriori informazioni si rimanda alla relazione della missione di monitoraggio svolta in Sri Lanka nel gennaio 2007 (si vedano gli allegati a questa pagina).

 

Proprietà dell'articolo
modificato: giovedì 22 febbraio 2007