Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Ti trovi in:Home » temi » Ambiente » Valutazione Impatto Ambientale
Cosa deve fare il proponente

Quando e come affrontare le procedure di V.I.A.

In quali casi è necessario che si presenti domanda di Screening o di V.I.A.
Interrogativi dinanzi al computer
Interrogativi dinanzi al computer
QUANDO  È NECESSARIA LA PROCEDURA DI SCREENING/V.I.A.   Il proponente, pubblico o privato, che intende realizzare opere od impianti ricadenti nell'Allegato A (V.I.A.) o nell'Allegato B (Screening) della L.R. 9/1999 deve presentare domanda per affrontare la relativa procedura.
Sono inoltre assoggettati alla procedura di screening, per le parti non ancora autorizzate, i progetti di trasformazione od ampliamento dai quali derivino impianti, opere od interventi con caratteristiche e dimensioni rientranti fra quelli previsti negli Allegati A o B.
 
A CHI SI DEVE PRESENTARE IL PROGETTO
La valutazione ambientale viene compiuta dall'Autorità competente che viene individuata in base alla tipologia dell'intervento che si richiede di realizzare.
 
TEMPI DEL PROCEDIMENTO
La procedura di screening si conclude dopo 60 giorni dalla presentazione della domanda, la procedura di VIA impiega invece 120 giorni.
Tali tempi si estendono però qualora si abbiano richieste di integrazioni che sospendono i termini della procedura, secondo quanto indicato nei seguenti prospetti:
- procedura di Screening per attività produttive;
- procedura di Screening per opere pubbliche;
- procedura di V.I.A. per attività produttive;
- procedura di V.I.A. per opere pubbliche;
 
COSA DEVE FARE IL PROPONENTE 
Una volta verificato che il progetto che si vuole realizzare ricade in una tipologia prevista negli allegati della L.R. 9/99, e pertanto è soggetto alla procedura di V.I.A. o screening, è necessario individuare quale sia l'Autorità Competente.
Una volta accertato se la Provincia è l'Autorità competente è necessario presentare domanda per attivare la procedura di V.I.A. allegando tutti gli elaborati previsti dalla legge, che variano a seconda di screening o V.I.A.
Per i progetti relativi alle attività produttive soggetti a screening o V.I.A. la documentazione va presentata presso lo Sportello Unico per le Attività Produttive (laddove istituito ed operante, in caso contrario alla Provincia), mentre nel caso di opere pubbliche o di interesse pubblico direttamente alla Provincia.   Nel caso di V.I.A. il Proponente deve anche  provvedere alla pubblicazione dell'annuncio dell'avvenuto deposito degli elaborati relativi al progetto assoggettato a V.I.A  su un quotidiano diffuso nel territorio interessato dall'intervento in progetto.
 
Di seguito è riportato uno schema sintetico che riassume le azioni da intraprendere per attivare la procedura di screening o VIA, distinguendo tra attività produttive e opere pubbliche o di interesse pubblico.
 
1. Progetti relativi ad attività produttive:
    · Nel caso di Screening, il proponente deve presentare allo SUAP la domanda
      di assoggettamento alla procedura di screening (Allegato PDF1) completa dei
      relativi elaborati.
    · Nel caso di VIA, il proponente deve presentare allo SUAP la domanda di
      assoggettamento alla procedura di V.I.A. (allegato PDF 2)  completa dei 
      relativi elaborati; provvedere alla pubblicazione su un quotidiano (allegato PDF 
      3) diffuso nel territorio interessato dall'opera dell'avviso dell'avvenuto deposito 
      degli elaborati.
N.B.: qualora lo Sportello Unico non fosse operante il referente diventa l'Autorità Competente.
 
2. Progetti relativi ad opere pubbliche o di interesse pubblico:
    · Nel caso di Screening, il proponente deve presentare alla Provincia la domanda
      di assoggettamento alla procedura di screening (allegato PDF 4)  completa dei
      relativi elaborati; effettuare il deposito degli elaborati presso i Comuni
      interessati dal progetto; curare la pubblicazione (allegato PDF 5) dell"avviso
      dell'avvenuto deposito degli elaborati per la procedura di Screening sul
      Bollettino Ufficiale Regionale.
   ·  Nel caso di VIA, il proponente deve presentare alla Provincia la domanda di
      assoggettamento alla procedura di V.I.A. (allegato PDF 6) completa dei relativi
      elaborati; effettuare il deposito degli elaborati presso i Comuni interessati dal
      progetto e presso la Regione; curare la pubblicazione (allegato PDF 7) 
      dell'"avviso dell'avvenuto deposito degli elaborati per la procedura di VIA" sul
      Bollettino Ufficiale Regionale; provvedere alla pubblicazione su un quotidiano 
      (allegato PDF 3) diffuso nel territorio interessato dall'opera dell'avviso
      dell'avvenuto deposito degli elaborati.
 
Scheda pratica per "Quando e come affrontare le procedure di V.I.A."
Note Referente provinciale: Giovanni Ferrari
Recapito telefonico: 0522444249
Proprietà dell'articolo
autore: A.Modesti, A.Treville, G.Ferrari
modificato: martedì 10 aprile 2007