Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Ti trovi in:Home » temi » Caccia, Pesca e Polizia provinciale » Pesca

Pesca

La Provincia si occupa principalmente di tutelare la fauna ittica che popola le acque provinciali e gli ambienti acquatici che la ospitano.
Svolge funzioni di programmazione dell’attività alieutica sul territorio provinciale, in collaborazione con le Associazioni alieutiche territoriali.
Predispone e realizza progetti finalizzati al riequilibrio ittico tra le specie.
Adotta iniziative tese alla salvaguardia delle specie ittiche, nonché di limitazione della presenza di specie alloctone.    
 
 
 
NEWS
 
10/10/2014
In concomitanza con gli svasi è stata emessa una ordinanza di divieto temporaneo di pesca nel Canale Allacciante Cartoccio. Qui a fianco il file .pdf com il testo della ordinanza
 
 
 
04/09/2014 SVASI DE CANALI DI BONIFICA
 
Come ogni anno il Consorzio di Bonifica dell'Emilia Centrale ci trasmette il calendario degli svasi dei canali di propria competenza. Qui di lato troverete il file .pdf con le date e i canali interessati.
 
 
01/07/2014 INTRODUZIONE DEL CONTRIBUTO ITTIOGENICO FINALIZZATO AL PROGETTO AMBITI TERRITORIALI PESCA - ATP

Con la delibera di Giunta provinciale n. 101 del 03/06/2014 è stato approvato il progetto sperimentale denominato “ATP: ambiti territoriali per la gestione della pesca”.Fortemente sostenuto dalle Associazioni piscatorie, questo progetto si propone come obbiettivi di incrementare le risorse ittiche nei corsi d’acqua provinciali e la tutela degli stessi. Le azioni che si vogliono mettere in pratica per il loro raggiungimento sono:

- implementare qualitativamente e quantitativamente l’attività di vigilanza volontaria lungo i corsi d’acqua attraverso la formazione e l’aggiornamento delle guardie e dei coadiutori volontari ittici;

- promuovere la pesca sportiva incrementando lo stock ittico;

- avviare progetti di recupero di specie ittiche autoctone come la tinca, il vairone, il luccio, il gambero di fiume;

- potenziare il servizio di recupero della fauna ittica in difficoltà;

- istituire un osservatorio provinciale sulla pesca.

Tali iniziative prevedono l’istituzione di tre Zone a Regime Speciale di Pesca, denominate ATP e più precisamente l’ATP Pianura (coincidente con le acque di Categoria A e B), l’ATP Collina (coincidente con le acque di Categoria C); l’ATP Montagna (coincidente con le acque di Categoria D).

Il progetto sperimentale potrà essere sostenuto economicamente da un contributo annuo, in capo a ciascun pescatore,  fissato in 10 Euro per l’esercizio della pesca in uno solo ATP oppure di 15 Euro per l’esercizio della pesca in tutti e tre gli ATP. A tale scopo l’Amministrazione provinciale ha creato un apposito capitolo di bilancio nel quale verranno introitati i contributi che successivamente verranno utilizzati solo ed esclusivamente per il finanziamento delle azioni sopra elencate. ll versamento potrà essere effettuato presso gli uffici postali, utilizzando un normale bollettino postale, intestato alla Provincia di Reggio Emilia, conto corrente num. 000010912426, scrivendo nella causale “Cap. 501 - contributo ittiogenico per 1 ATP (specificando quale)” in caso si versino 10 Euro oppure “Cap. 501 - contributo ittiogenico per 3 ATP” nel caso si versassero 15 Euro.

Qui di lato il file .pdf con le Zone Ittiche Omogenee

 
02/05/2014 Importante novità sull'esercizio della pesca nel Lago Calamone, meglio conosciuto come Lago del Ventasso, in Comune di Ramiseto. Qui di lato troverete la lettera del nostro Dirigente con i chiarimenti sull'argomento.
 
RIAPRE LA PESCA NEL CANALE CARTOCCIO
Con Disposizione dirigenziale prot. n. 22654/4/2014 è stato revocato il divieto di pesca nel canale Allacciante Cartoccio, istituito nel settembre 2013
 
01/06/2014 Autorizzazione per la pesca dai manufatti
E' da ricordare che anche con la nuova Legge regionale sulla pesca, la n. 11 del 2012 è vietato pescare con reti o altri attrezzi, ad esclusione della canna e della lenza a mano, a meno di quaranta metri a monte e a valle da passaggi di risalita per i pesci, da griglie o da strutture similari, dalle macchine idrauliche, dalle cascate, a monte e a valle dei mulini e dalle opere di difesa dei ponti e dalle dighe di sbarramento.
Tuttavia nei tratti di rispetto di cui sopra possono esercitare la pesca, previa apposita autorizzazione rilasciata dall’Ente territorialmente competente, i portatori di handicap o grandi invalidi che per effetto delle loro condizioni fisiche non possono percorrere le rive dei corsi d’acqua.
Qui di lato troverete il modulo da compilare per richiedere l'autorizzazione
 
01/04/2014 CALENDARIO ITTICO 2014
Con Disposizione dirigenziale prot. num. 13425/1 è in vigore il Calendario Ittico provinciale 2014. Qui accanto troverete il relativo file .pdf da consultare e scaricare. La pesca nelle acque di Categoria "D" aprirà l'ultima domenica di marzo.
 
30/03/2014 CONSIGLI PER L'UTILIZZO DELLE CANNE DA PESCA NELLE VICINANZE DI LINEE ELETTRICHE
Riceviamo e volentieri pubblichiamo, qui di fianco, la lettera inviataci dall'ENEL nell'ambito di una campagna di sensibilizzazione per evitare le folgorazioni durante l'uso delle canne da pesca sotto le linee elettriche.
 

14/03/2013 LICENZA DI PESCA Con l'entrata in vigore della nuova Legge regionale sulla pesca, la n. 11 del 2012, è utile ricordare che:

L'esercizio della pesca è consentito a coloro che sono in possesso di una delle seguenti licenze:

a) licenza di tipo A: della durata di dieci anni decorrenti dal giorno del rilascio, autorizza l’esercizio della pesca professionale con gli attrezzi specificamente individuati dal regolamento di cui all’articolo 26;

b) licenza di tipo B: della durata di un anno decorrente dal giorno del versamento della tassa di concessione, autorizza i residenti in Emilia-Romagna all’esercizio della pesca sportiva o ricreativa;

c) licenza di tipo C (turistica), il cui onere è pari al 30 per cento del costo della tassa di concessione annuale prevista per la licenza di tipo B: della durata di trenta giorni decorrenti dal giorno del versamento della tassa di concessione, autorizza i residenti in Emilia-Romagna e i non residenti all’esercizio della pesca sportiva o ricreativa.

Qui a lato troverete copia del bollettino regionale per il pagamento della tassa di concessione che è pari a Euro 22,72. E' importante, sul bollettino, ricordarsi di scrivere i propri dati anagrafici e la causale di versamento.

LEGGE REGIONALE n.11/2012 - Validità della licenza nelle altre Regioni
Dopo diverse richieste di chiarimento la Regione Emilia Romagna informa le Province che la licenza di pesca regionale è valida su tutto il territorio nazionale mentre non sono valide le esenzioni previste dalla nostra normativa. Per cui i pescatori che intendono andare a pescare in altre regioni devono sempre prima informarsi presso i corrispondenti Uffici pesca della Provincia o presso le Associazioni di pescatori locali (tipo FIPSAS) e se richiesto dovranno munirsi della ricevuta di versamento costituente la licenza, anche se appartenenti a una categoria esonerata sul proprio territorio regionale.
 
 
08/11/2012  APPROVATA LA NUOVA LEGGE SULLA PESCA
Nel Bollettino Ufficiale della Regione E-R, n. 231 del 08/11/2012, è stato pubblicato il testo della nuova Legge Regionale (n. 11/2012: "Norme per la tutela della fauna ittica e dell'ecosistema acquatico e per la disciplina della pesca, dell'acquacultura e delle attività connesse nelle acque interne") sulla pesca nelle acque interne che sostituisce la ormai vecchia LR n.11/93. Qui di fianco troverete i links che rimandano al portale sul tema della Regione Emilia Romagna.
  
 
 
 
 
Proprietà dell'articolo
modificato: venerdì 10 ottobre 2014