Terremoto, indicazioni e numeri utili per gli aiuti

Di cosa c'Ŕ bisogno e cosa non serve. Le modalitÓ da seguire, i numeri da contattare

La Provincia di Reggio Emilia – così come era avvenuto per lo tsunami in Sri Lanka del 2004 e successivamente per i terremoti in Abruzzo e ad Haiti - ha messo a disposizione il proprio conto corrente riservato alle emergenze umanitarie per avviare, fin da subito, una raccolta di fondi da Enti pubblici, associazioni e privati, da destinare a progetti a breve e medio termine sia per un aiuto immediato alla popolazione sia per la ricostruzione materiale e sociale delle comunità emiliane colpite dai terremoti di maggio. Il conto è intestato a "La Provincia di Reggio Emilia per le emergenze e la solidarietà" ed è attivo presso la filiale Unicredit di via Emilia Santo Stefano 18/e con le seguenti coordinate Iban: IT 12 I 02008 12800 000100658213. Per versamenti dall'estero SWIFT/BIC: UNCRITM1075Nella causale è necessario indicare "Terremoto Emilia 2012": le somme versate saranno destinate a progetti di assistenza e ricostruzione seguiti direttamente dalla Provincia di Reggio. 

Si può anche donare inviando un SMS o chiamando da rete fissa il numero 45500 per donare 2 euro (servizio attivo con gli operatori TIM, Vodafone, WIND, 3, Poste Mobile, CoopVoce, Tiscali e Noverca e su rete fissa con Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, TeleTu e Tiscali).

La Provincia di Reggio Emilia e il Coordinamento provinciale delle associazioni di volontariato di Protezione civile ringraziano tutte le persone che, in questi giorni, si sono mobilitate con così grande generosità.

Donazioni e offerte di aiuto, domande e risposte

Il Dipartimento nazionale della Protezione civile ha pubblicato oggi sul proprio sito alcune risposte alle domande più frequenti arrivate in queste ultime ore al Contact Center. Le richieste dai cittadini – raccolte tramite numero verde 800 840 840 e form online (http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/form_contact_center.wp) – riguardano principalmente donazioni, offerte di aiuto e iniziative a favore della popolazione coinvolta nell’emergenza terremoto. Si riportano le risposte  fornite dal Dipartimento nazionale, integrate con le specificità di Reggio Emilia.

Come posso dare un contributo per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto?
 
In questa fase dell’emergenza è più utile dare un contributo in denaro con l’SMS solidale 45500 o con un versamento sul conto corrente attivato dalla Regione Emilia-Romagna o su quello intestato a "La Provincia di Reggio Emilia per le emergenze e la solidarietà" con le seguenti coordinate Iban: IT 12 I 02008 12800 000100658213. Per versamenti dall'estero SWIFT/BIC: UNCRITM1075. Nella causale è necessario indicare "Terremoto Emilia 2012".
Il Dipartimento della Protezione Civile non ha attivato alcuna raccolta di beni e generi di prima necessità. Tuttavia, se preferisci l’invio di beni rispetto alle donazioni in denaro, puoi rivolgerti ad un’organizzazione di volontariato.

Vorrei aiutare personalmente la popolazione coinvolta nel sisma. Posso partire? 
Ti ringraziamo per la tua offerta d’aiuto, ma ti ricordiamo che per contribuire agli interventi nelle zone colpite da disastri, è necessario far parte di un’organizzazione di volontariato già addestrata all'intervento. In questi casi, infatti, il contributo dei singoli non facilita le azioni di soccorso. Se fai già parte di un’organizzazione, rivolgiti al tuo referente per indicazioni. Se, invece, in occasione di questo evento hai pensato per la prima volta di offrire il tuo aiuto, ti invitiamo a consultare l’elenco delle organizzazioni di volontariato di protezione civile iscritte nel registro nazionale, a seguire queste indicazioni oppure a prendere contatto con un’organizzazione iscritta nell’elenco della tua regione o con il Coordinamento delle organizzazioni di volontariato di Protezione civile della Provincia di Reggio Emilia (via della Croce rossa 3, telefono 0522.5557333 - mail: procivre@gmail.com).

Vorrei rendere disponibile per le persone colpite dal terremoto un alloggio. È possibile?
Ti ringraziamo per la tua disponibilità, ma questa tipologia di sistemazione (camper, roulotte, camere libere, abitazioni) non permette di assicurare standard omogenei e servizi equivalenti in tutte le zone interessate dal sisma. In questa fase dell’emergenza, infatti, la necessità di garantire una risposta rapida e calibrata sulle esigenze della popolazione, è garantita attraverso l’assistenza in aree di accoglienza, strutture e alberghi. Puoi comunque segnalare la tua disponibilità inviando una mail a protezionecivile@provincia.re.it, lasciando le tue generalità e un recapito telefonico: nel caso, verrai ricontattato.

Sono il responsabile di un’azienda e vorrei mettere a disposizione gratuitamente dei beni per le popolazioni colpite dal sisma. A chi mi posso rivolgere? 
Puoi comunicare la tua disponibilità al Contact Center del Dipartimento della Protezione Civile chiamando il numero verde 800840840 oppure compilando il form online disponibile sul sito web del Dipartimento. In alternativa, puoi inviare un’email a infosisma@regione.emilia-romagna.it, la casella di posta attivata per l’emergenza dall'Agenzia Regionale di Protezione Civile. La tua offerta sarà inoltrata ai Centri di coordinamento sul territorio che la valuteranno in base alle esigenze della popolazione assistita. La proposta deve contenere una descrizione dettagliata dell’iniziativa, specificando che si tratta di un’attività a carattere gratuito, il periodo di riferimento, l’area in cui si intende realizzare l’iniziativa e i contatti di un referente.

La mia organizzazione vorrebbe promuovere un’iniziativa in un’area di accoglienza. A chi possiamo rivolgerci? 
Potete inviare la vostra proposta al Contact Center del Dipartimento della Protezione Civile compilando il form online disponibile sul sito web o inviando un’email alla casella di posta infosisma@regione.emilia-romagna.it attivata per l’emergenza dall'Agenzia Regionale di Protezione Civile. La vostra offerta sarà poi inoltrata ai Centri di coordinamento sul territorio che la valuteranno in base alle esigenze della popolazione assistita. La proposta deve contenere una descrizione dettagliata dell’iniziativa, specificando se si tratta di un’attività a carattere gratuito o meno, il periodo di riferimento, l’area in cui si intende realizzare l’iniziativa e i contatti di un referente.

Ho una struttura alberghiera nella regione Emilia-Romagna che vorrei rendere disponibile per le persone colpite dal terremoto. Quale procedura devo seguire?
Devi comunicare la disponibilità a Federalberghi o Assohotel con cui la Regione Emilia-Romagna ha stipulato una convenzione.  Puoi rivolgerti ad uno di questi contatti: 

roberto.arno@ascomre.com Federalberghi RE
vilder.canalini@confesercenti.org; Assohotel RE
3338329464@tim.it: Federalberghi FE 
franco.buontempi@confcommerciomodena.it: Federalberghi MO
annalisa.piccinelli@ascom.bo.it: Federalberghi BO
aosti@confesercentiferrara.it: Assohotel FE 
cavazza@confesercentimodena.it: Assohotel MO
rossi@confesercentibo.it e g.gervaso@catconfesercenti.it: Assohotel BO 

Si ricorda che sul sito del Dipartimento nazionale (http://www.protezionecivile.gov.it) può essere visitata la sezione “Cosa fare" per le norme di comportamento da adottare prima, durante e dopo un evento sismico, reperibili anche sull'home-page del sito della Provincia di Reggio Emilia (http://www.provincia.re.it). 

ProprietÓ dell'articolo
creato: mercoledý 30 maggio 2012
modificato: mercoledý 13 giugno 2012