Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Ti trovi in:Home » ente » Ambiti strategici

Ambiti Strategici

Sono stati individuati in sede di bilancio di previsione, 10 obiettivi strategici che delineano l'azione di governo della Provincia di Reggio Emilia, in considerazione delle mutate condizioni e della necessità di adeguare interventi, riflessioni, idee:

1)   Sicurezza: per i cittadini della provincia, si articola oltre che negli aspetti tipici dell'ordine pubblico a tutela della sicurezza individuale e sociale e sanitaria, in quelli connessi alla sicurezza dei luoghi di studio e di lavoro, della mobilità, dell'ambiente, del consumo. La Provincia, che nel corso dell'intero anno 2007 ha contrassegnato la sua azione a sostegno di ogni azione per l'inclusione, per la promozione della legalità e contro ogni forma di violenza, è consapevole come vada promossa con convinzione ogni azione che migliori la stessa percezione della sicurezza, valore sociale indispensabile per consentire lo sviluppo positivo ed equilibrato della comunità.   

2)   Miglioramento dell'efficienza dell'ente attraverso l' innovazione: l'innovazione interna viene ritenuta la leva strategica per il miglioramento ulteriore dell'efficienza e dell'efficacia dell'azione dell'ente, per il contenimento della spesa pubblica e la migliore qualità e tempestività della risposta nei confronti dei cittadini. Proprio grazie ai buoni risultati fin qui conseguiti si intende ulteriormente promuovere innovazione interna per corrispondere pienamente alle esigenze della comunità. La cultura del cambiamento e la promozione della ricerca connota del resto l'azione politica, amministrativa e tecnica dell'Ente sia sul versante interno che sul versante esterno. Si tratta non solo di sostenere singoli progetti ma anche di promuovere ad ogni livello della società reggiana la cultura del cambiamento, capace ad un tempo di preservare i molteplici aspetti positivi della comunità e di accelerare i processi innovativi dove è necessario.  

3)   Valorizzazione del territorio e del paesaggio: è l'ambito entro il quale collocare le azioni e gli interventi sull'ambiente fisico, nella stagione di formazione del nuovo piano territoriale di coordinamento provinciale ; si concretizza attraverso varie iniziative, prima fra le quali è la Biennale del Paesaggio 2008, e nello sviluppo di lungo respiro degli aspetti formativi, spettacolari e culturali connessi alla sua valorizzazione ed all'aumento della consapevolezza dei valori ad esso attinenti. La valorizzazione territoriale trova traduzione imprescindibile nelle iniziative di carattere storico, turistico e di valorizzazione delle eccellenze agroalimentari, che rendono il nostro territorio fortemente attrattivo anche in ambito internazionale.  

4)   Pianificazione territoriale per uno sviluppo sostenibile: si articola nell'impostazione unitaria ed integrata delle tematiche relative alla citata variante generale del PTCP, nonché alle pianificazione dei diversi ambiti a questa correlati, quali mobilità, commercio, aria, acqua, energia, rifiuti, elettromagnetismo, che hanno visto ormai una articolata ed unitaria trattazione. 

5)   Memoria ed identità : visti come fattori di crescita culturale, si consolidano attraverso l'organica integrazione con i diversi Istituti di ricerca storica, associazioni e istituzioni museali presenti nel territorio provinciale, tesa sia alla valorizzazione del patrimonio archivistico e bibliografico che all'analisi di prospettiva storica.   

6)   Valorizzazione della presenza femminile: le donne soggetto dei cambiamenti, dello sviluppo della comunità, del rispetto della democrazia, dei diritti e della conoscenza delle persone al di là delle differenze di cultura, saranno al centro di progetti ed attività di particolare rilievo, anche con riferimento alla figura di Matilde di Canossa e del ruolo della donne migranti nell’Europa che cambia. 

7)   Migrazioni e migranti: convergono in questo ambito le tematiche relative all'immigrazione, alle opportunità di integrazione, al rafforzamento della democrazia attraverso il confronto fra le culture. In tal senso saranno previste forti iniziative oltre che a carattere sociale, a carattere culturale e di approfondimento dei diversi aspetti che caratterizzano il dibattito odierno in Europa. 

8)   Scuola, educazione, diffusione dei saperi: integra i progetti e le iniziative finalizzate a garantire qualità, promozione della creatività e del sapere diffuso, sicurezza e funzionalità dei luoghi e delle attrezzature scolastiche, sostegno alle attività educative. 

9)   Giovani: mette al centro dell’azione della Provincia i giovani e si concretizza fra l'altro nell'adozione di progetti integrati a sostegno dell'autoimprenditorialità, anche con la progressiva definizione di contributi mirati per l'avvio di attività innovative. 

10)  Integrazione dei Bilanci: comprende la messa a punto di un sistema di rendicontazione, mediante il Bilancio sociale, il bilancio ambientale, il bilancio di genere e l'unione ragionata dei bilanci aggregati di ordine infraprovinciale, utile per la comparazione dei diversi dati, la valutazione dell’esito delle politiche e la loro divulgazione ai diversi portatori di interesse diffuso.  

E' ben evidente quanto tali ambiti trovino mutua relazione, ma la tensione ad identificarne peculiarità è risultata e sarà ancora preziosa per l'efficacia e la concretezza delle azioni che su di essi potranno  convergere. 

Queste scelte, come nel passato, intendono qualificare l’intervento della Provincia nel sistema locale e regionale e dare forza ad un progetto di rivitalizzazione della democrazia nelle istituzioni attraverso la chiarezza che promuove la partecipazione; ascoltare, promuovere e  far contare davvero i cittadini è in definitiva l’obiettivo strategico che intendiamo confermare.

Proprietà dell'articolo
modificato: martedì 15 gennaio 2008