Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

Pakistan, partita la campagna di aiuti per i terremotati

È partita la campagna di raccolta fondi a favore delle popolazioni del
Pakistan colpite dal violento terremoto dell’ottobre 2005, che ha
provocato decine di migliaia di vittime, soprattutto tra i bambini.
L’obiettivo che si sono dati i promotori del progetto è quello di
acquistare gli arredi per 2 scuole nel villaggio di Chakothi, in Kashmir,
per un importo complessivo di circa 50mila euro.
Capofila dell’iniziativa la Comunità Montana che, assieme alla Provincia
di Reggio Emilia, al Comune di Reggio Emilia e al comune di Correggio, ha
deciso di promuovere attività di sensibilizzazione su tutto il territorio
provinciale.
La Comunità Montana è forte di un rapporto di scambio con le popolazioni
di quei territori precedente al verificarsi del terremoto: nel
cinquantenario della conquista del K2 molti reggiani erano infatti stati
al campo base, così come un anno fa l’ambasciatore del Pakistan era stato
ospite in Provincia. La tragedia dello scorso mese di ottobre ha spinto a
focalizzare l’attenzione sugli aiuti, chiedendo anche alle organizzazione
già impegnate nella zona per il progetto Karakorum Trust un aiuto per
identificare i luoghi in cui intervenire.
Il gruppo di lavoro si è riunito ieri nella sala giunta di palazzo
Allende. All’incontro erano presenti la Comunità Montana, il comune di
Correggio, la Provincia di Reggio Emilia, il comune di Reggio, i
rappresentanti del tavolo del lavoro (sindacati e associazioni
imprenditoriali), 2 rappresentanti delle guide alpine reggiane, e la
rappresentante del CESVI, l’ong italiana che segue il progetto di
ricostruzione in Pakistan.
L’incontro è servito a fare il punto sul progetto e a tracciare il
percorso da seguire per avviare la raccolta fondi. Il programma delle
attività prevede anche l’organizzazione di iniziative in montagna (una
programmata il prossimo 28 maggio) e a Correggio durante la fiera Etnica
(21 maggio).
Nel frattempo la Comunità Montana ha provveduto ad aprire un conto
corrente dedicato per raccogliere gli aiuti. È possibile fare versamenti
utilizzando il conto corrente sulla Banca popolare dell'Emilia-Romagna -
ag. di Castelnovo ne' Monti, n° 1454939c, abi 5387, cab 66280 con la
causale "aiuti per il terremoto in pakistan".

Il progetto
La ricostruzione delle due scuole principali di Chakothi è una priorità
assoluta non appena la fase di emergenza più acuta verrà superata.
Il progetto, che è sostenuto da Reggio Emilia e dovrebbe finanziare l’
acquisto e il trasporto del materiale, provvederà a fornire le due scuole
di Chakothi di banchi, sedie, lavagne e materiale didattico in modo da
consentire, quanto prima, la ripresa delle normali attività educative.
Beneficiari diretti saranno circa 1000 studenti, indirettamente l’
intervento coinvolgerà invece tutti gli abitanti di Chakothi e dei
villaggi intorno (popolazione stimata di 25.000 persone prima del
terremoto).
Scheda pratica per "Pakistan, partita la campagna di aiuti per i terremotati"
Data comunicato16/03/2006
Proprietà dell'articolo
modificato: mercoledì 22 novembre 2006