Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

"Via Emilia Bis, passare dalle parole ai fatti"

Il tempo di parlare di Via Emilia Bis è finito, è arrivato il momento di arrivare alla realizzazione definitiva di tale opera, assolutamente strategica per la provincia di Reggio Emilia sotto svariati punti di vista: miglior scorrimento del traffico veicolare, maggior sicurezza dei trasporti, minor concentrazione di polveri sottili e di agenti inquinanti, ammodernamento dell'assetto viario reggiano.
In un'assemblea che si è svolta lunedì sera nella sede della circoscrizione ovest, l'Assessore del Comune di Reggio Gandolfi ha speso parole importanti sui tempi di realizzazione dell'opera. Purtroppo sono ormai anni che assistiamo a continui rinvii e non vorremmo che, anche in questa circostanza, gli enti locali reggiani si lasciassero sfuggire una grande occasione. Confidiamo che anche la Provincia voglia giocare la sua parte, proprio per l'importanza dell'opera in esame: ci auguriamo che la Presidente Masini, fra una missione diplomatica e l'altra, trovi il tempo per realizzare quelle infrastrutture che aveva già promesso nella campagna elettorale del 2004 e che ad oggi in buona parte sono ancora in fase embrionale, se non addirittura inesistenti.
I cittadini della provincia di Reggio vogliono interventi concreti e possibilmente rapidi da parte della pubblica amministrazione che, mai come in questo momento, si dimostra non essere all'altezza dell'iniziativa privata. L'imprenditoria e la società reggiana necessitano di risposte, ci auguriamo che queste possano finalmente arrivare: finito il tempo degli spot elettorali è giunto il tempo della concretezza. Su questi temi sfidiamo la presidente Masini, proponendoci fin da ora come alternativa di governo seria e credibile per la prossima consultazione elettorale.

Tommaso Lombardini


Consigliere provinciale del Pdl

ProprietÓ dell'articolo
modificato: martedý 1 settembre 2009