Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

ACCORDO DI PROGRAMMA

 

L' art. 13 della L. 5 febbraio 1992, n. 104 prevede che "L'integrazione scolastica della persona handicappata nelle sezioni e nelle classi comuni delle scuole di ogni ordine e grado e nelle università si realizza, […], anche attraverso la programmazione coordinata dei servizi scolastici con quelli sanitari, socio-assistenziali, culturali, ricreativi, sportivi e con altre attività sul territorio gestite da enti pubblici o privati. A tale scopo gli enti locali, gli organi scolastici e le unità sanitarie locali, nell'ambito delle rispettive competenze, stipulano gli accordi di programma [...]".

Secondo quanto previsto dall' art. 34 del Decreto Legislativo n. 267/2000 - Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali coordinato ed aggiornato al D.L. 2 marzo 2012, n. 16, occorre che la Presidente della Provincia convochi una "Conferenza tra i rappresentanti di tutte le amministrazioni interessate" e predisponga, successivamente, un Decreto di approvazione dell'Accordo.

 L'Accordo precedente sottoscritto il 31 maggio 2006 è scaduto il 31 maggio 2010.

Il percorso per il rinnovo dell'Accordo sopra richiamato è iniziato nel corso del 2010 all'interno del Gruppo di lavoro interistituzionale provinciale (GLIP), previsto dall'art.15 della L.104/92 e istituito presso I’Ufficio Scolastico Regionale – Ufficio XVI – Ambito Territoriale per la Provincia di Reggio Emilia (Ufficio Scolastico Provinciale).

Il GLIP sopra richiamato, attualmente, è presieduto da referenti dell'Ufficio Scolastico Provinciale ed è composto da: un rappresentante della AUSL: Servizio di neuropsichiatria Infantile e un rappresentante del Servizio di Psicologia Clinica; rappresentanti delle Associazioni delle famiglie delle persone disabili; un rappresentante dei Comuni - Comune di Reggio Emilia; un rappresentante della Provincia di Reggio Emilia; un Dirigente scolastico degli Istituti Comprensivi, un Dirigente scolastico della scuola secondaria di secondo grado.

Parallelamente alla fase di stesura dell'Accordo all'interno del GLIP, l'Assessorato all'Istruzione della Provincia ha promosso una fase di concertazione a livello territoriale, organizzando 6 incontri distrettuali (Scandiano, Castelnovo Monti, Correggio, Reggio Emilia, Bibbiano, Guastalla).

A conclusione del percorso fatto, al fine di condividere il testo con i principali attori del sistema di integrazione, l'Assessorato all'Istruzione della Provincia ha promosso un gruppo di lavoro ristretto con i referenti dei Sindaci dei Comuni della provincia, il direttore del GLIP, i rappresentanti della Provincia nel GLIP discutendo il punto di vista degli enti locali. Tali modifiche sono state accolte e il testo è stato licenziato nel corso dell’incontro di GLIP svolto l’8 novembre 2012

 Il nuovo testo dell'Accordo mantiene la stessa struttura formale di quello precedente.

Rispetto all'Accordo precedente sono stati inseriti come nuovi soggetti firmatari le scuole paritarie. Per quanto riguarda la "documentazione di base" che rappresenta lo strumento fondamentale per l'integrazione, si prende atto dell'entrata in vigore della legge n.4/2008 "Disciplina degli accertamenti per il riconoscimento della disabilità".

Si riconosce la necessità di contestualizzare il nuovo Accordo nell’attuale contesto storico e socio-economico.

 Il nuovo Accordo, quindi, sarà sottoscritto nella "Conferenza tra i rappresentanti di tutte le amministrazioni interessate" il 12/12/2012 da Presidente della Provincia, Sindaci dei Comuni, Dirigente Coordinatore Provinciale dell’Ufficio Scolastico Regionale – Ufficio XVI – Ambito Territoriale per la Provincia di Reggio Emilia, Direttore Generale dell'Azienda USL di Reggio Emilia, Dirigenti degli Istituti Comprensivi statali, Dirigenti delle Scuole secondarie di II° grado statali, Presidente regionale della FISM, Responsabile di rete delle scuole paritarie primarie, secondarie di primo e secondo grado. Si prevede la Lettera di adesione del coordinamento associazioni disabili e famiglie.

L'Accordo non prevede oneri di spesa aggiuntivi per la Provincia.

 

Proprietà dell'articolo
modificato: martedì 11 dicembre 2012