Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Ti trovi in:Home » ente » Comunicati Stampa

Dalla Provincia 646 borse di studio per oltre 245mila euro

Da 340 fino a 425 euro l’una per studenti meritevoli e disabili dei primi due anni delle superiori. Assegnati quest’anno anche 140 voucher ministeriali “IoStudio" (252 euro) a ragazzi del triennio

Sono ben 646 - per un importo complessivo di 245.055 euro - le borse di studio concesse quest’anno dalla Provincia di Reggio Emilia a favore degli studenti delle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado e del sistema di formazione professionale, aventi un reddito familiare Isee non superiore a 10.632,94 euro.

Ne dà notizia – a conclusione delle operazioni di validazione delle 657 domande presentate entro il 28 febbraio scorso con la preziosa collaborazione degli istituti superiori – la vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia, con delega all’Istruzione, Ilenia Malavasi. Solo 11, dunque, sono state le domande dichiarate non ammissibili per la mancanza di requisiti previsti o a seguito dei controlli effettuati.

Delle 646 domande ammesse, 347 risultano essere borse di studio “base” da 340 euro l’una, mentre 299 sono quelle di importo “maggiorato” (425 euro), previste per gli studenti che hanno conseguito una media dei voti uguale o superiore al sette e per studenti in situazioni di handicap certificato. Gli importi sono stati determinati dalla Regione Emilia-Romagna per soddisfare integralmente tutte le domande ammissibili.

Sul sito Internet della Provincia di Reggio Emilia (CLICCA QUI) - consultando gli allegati A (domande ammesse) e B (domande escluse) è possibile verificare, attraverso il numero identificativo di domanda assegnato al momento del caricamento nell'applicativo predisposto dalla Regione, l’eventuale concessione del contributo.

Le borse di studio saranno erogate dalla Provincia entro ottobre ai beneficiari che, a seconda di quanto dichiarato nella domanda, riceveranno direttamente l’importo sul conto corrente indicato oppure una lettera che illustra le modalità di ritiro presso uno sportello bancario Unicredit (tesoriere provinciale).

Quest’anno inoltre - al fine di contrastare la dispersione scolastica e in attuazione del Decreto legislativo 63/2017 che ha istituito il Fondo unico per il welfare dello studente e per il diritto allo studio - la Regione Emilia-Romagna ha individuato, quali beneficiari delle borse di studio finanziate con risorse statali, gli studenti dell’ultimo triennio di scuole superiori, in disagiate condizioni economiche, inclusi coloro che hanno presentato domanda per il contributo dei libri di testo.

Oltre alle 657 domande presentate dagli studenti del biennio, la Provincia di Reggio Emilia ha pertanto approvato altre 140 richieste presentate da studenti del triennio – di competenza ministeriale – escludendone 3 per mancanza dei requisiti richiesti. La borsa di studio ministeriale, ciascuna pari a 252,14 euro, sarà disponibile sotto forma di voucher (buoni di acquisto) che si potranno scaricare esclusivamente online dall’area riservata del Portale web della Carta dello Studente www.istruzione.it/studenti e spendere presso gli esercenti convenzionati. I voucher "IoStudio" si potranno utilizzare fino al 31 dicembre 2018.

“Le borse di studio rappresentano uno degli strumenti per favorire la frequenza scolastica e garantire pari opportunità di successo, tutelando uno dei diritti fondamentali ed inalienabili della persona e quell’eguaglianza sostanziale fra i cittadini che è sancita dalla nostra Costituzione – sottolinea la vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia con delega all’Istruzione, Ilenia Malavasi – Gli aiuti assicurati da enti locali e Ministero a quasi ottocento famiglie, inoltre, non solo contribuiscono a sostenere economicamente chi è più in difficoltà, ma permettono anche di investire sull'istruzione, sulla crescita e sul talento di tutti i giovani”.

 

 

 

 

Proprietà dell'articolo
modificato: mercoledì 27 giugno 2018