Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Ti trovi in:Home ╗ ente ╗ Comunicati Stampa

Terre di Canossa, procede il Piano strategico

In corso la fase di analisi dei territori e dei sistemi urbani. Altre 4 adesioni al Protocollo d’intesa: Comune di Vezzano, Emilbanca, Casa del Tibet e Canossa San Biagio Srl
Partner vecchi e nuovi con la vicepresidente Malavasi e il sindaco Bolondi
Partner vecchi e nuovi con la vicepresidente Malavasi e il sindaco Bolondi

Nuovi partner pubblici e privati, ma soprattutto un lavoro che procede a ritmo spedito – con l’avvio della fase di analisi dei territori e dei sistemi urbani dei dieci comuni coinvolti – per dare al più presto concretezza al Piano strategico d’area vasta finalizzato allo sviluppo socio-economico delle  “Terre di Canossa”. Gli ulteriori passi in avanti compiuti  dal progetto sono stati illustrati questa mattina in Provincia, che dall’inizio accompagna l’ambizioso percorso intrapreso dal sindaco di Canossa Luca Bolondi, presenti anche gli architetti Massimo Casolari e Paolo Soragni e nuovi e vecchi partner pubblici e privati che hanno aderito al Protocollo d’intesa. A fare gli onori di casa, la vicepresidente Ilenia Malavasi che ha riconfermato l’impegno della Provincia di Reggio Emilia nel “dare continuazione all’importante cammino intrapreso con un Piano strategico che continua ad aggregare partnership danno il senso del valore e della qualità di questo progetto”. Al suo fianco, Giorgio Zanni, unico candidato alle elezioni per il nuovo presidente della Provincia del prossimo 31 ottobre, ma soprattutto uno degli aderenti, in qualità di sindaco di Castellarano, al Protocollo d’intesa. “Lo abbiamo fatto con entusiasmo, convinti che fare massa critica sia fondamentale per conseguire un obiettivo comune, specie se importante come questo”, ha detto definendo questo “progetto fortemente attrattivo per noi amministratori pubblici,  perché è ambizioso, ci sprona a guardare avanti e lo fa in modo giustamente inclusivo e non esclusivo”. “Dai percorsi ciclopedonali sui quali stiamo investendo in maniera importante al circuito dei castelli, alla Compagna della spergola - ha aggiunto il sindaco Zanni - sono già tanti i punti di contatto intercomunali di un sistema “a carte veline” che si sovrappongono per formare un quadro generale in grado di garantire un plus a tutto il territorio”.

Insomma, “quel ragionare come area vasta che ci permette di avere uno sguardo più ampio”, come ha sottolineato il sindaco di Canossa Luca Bolondi, “soddisfatto da un lavoro difficile, ma affascinante che, grazie anche all’aver potuto incontrare tante persone molto disponibili, sta finalmente dando valore a un’idea e concretezza a questo lavoro di squadra: il tour nei vari comuni per raccogliere le informazioni che saranno oggetto di questo meraviglioso progetto è già iniziato e presto il Piano strategico saprà indicare cosa bisogna fare in ogni singolo comune per valorizzare il territorio e creare sviluppo”.

A raccogliere le esigenze, “a partire dalle criticità”, nei 10 comuni che hanno aderito , gli architetti Massimo Casolari e Paolo Soragni, autori di quella indagine preliminare “Canossa un ponte per l’Europa” che la scorsa primavera ha dato il “la” al Piano strategico. “Uno strumento utilizzato in Europa ormai da vent’anni, ma pressoché inedito in Italia e nella nostra regione, eppure fondamentale per poter intercettare contributi e fondi strutturali”, hanno detto, insistendo sulla necessità di “internazionalizzare il brand Canossa, quale simbolo dei Castelli dell’Emilia-Romagna, e di valorizzare la Stazione Mediopadana e tutti quei prodotti industriali, artigianali e agricoli che rappresentano la forza di un’area che può ancora essere più vasta, fino ad arrivare al Palazzo ducale di Sassuolo oltre il Secchia ed al Castello di Torre Chiara oltre l’Enza”.

Un primo giro di perlustrazione che si conta di concludere entro metà novembre in tutti i comuni, saliti a dieci con l’ingresso di Vezzano sul Crostolo, testimoniato dall’assessore Stefania Colli: “Si tratta di una bella opportunità che intendiamo cogliere, contribuendo anche con l’importante lavoro che abbiamo svolto in questi anni per promuovere percorsi sportivi e, soprattutto, l’itinerario di fede e cultura della Via matildica del Volto santo”. Oltre al Comune di Vezzano, quest’oggi è stata ufficializzata anche l’adesione al Protocollo d’intesa della Canossa San Biagio Srl, della Casa del Tibet di Votigno (“E’ un progetto davvero suggestivo, ricco di tante idee”, ha detto Stefano Dallari) e di Emilbanca “un istituto di credito da sempre impegnato a favorire uno sviluppo responsabile che renda più attrattivi i territori in cui operiamo, anche attraverso il sostegno a chi vorrà investire“, ha spiegato Vittoria Sanpietro, responsabile dell’Area territoriale di Reggio, Modena e Cavola.  

ProprietÓ dell'articolo
modificato: giovedý 25 ottobre 2018