Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Ti trovi in:Home ╗ ente ╗ Comunicati Stampa

GenerositÓ senza confini per sconfiggere il Covid-19

Arrivata a Provincia e Protezione civile una seconda donazione dalla Cina. E un'azienda di Montecavolo regala gli arredi esterni all'ospedale realizzato alla Fiera di Milano
Parte della seconda donazione arrivata dalla Cina è stata consegnata a Reggio Children
Parte della seconda donazione arrivata dalla Cina è stata consegnata a Reggio Children

E' una generosità che non conosce davvero confini quella che in queste settimane sta vedendo tanti semplici cittadini, istituzioni, aziende, associazioni mobilitarsi per aiutare il più possibile non solo le rispettive comunità, ma anche chi - in altre parti d'Italia o del mondo - sta affrontando questa difficile prova. Se dalla Cina è arrivata in queste ore alla Provincia di Reggio Emilia, che l'ha subito consegnata all'Agenzia regionale di Protezione civile, la seconda donazione di dispositivi raccolti da cittadini, istituzioni e associazioni di Wuhan e di altre città della Cina, c'è anche chi, da Montecavolo di Quattro Castella, si è mosso per sostenere la realizzazione dell'ospedale Covid-19 realizzato alla Fiera di Milano in soli 17 giorni. E' la FI.MA di Masini & Figli srl, un'azienda che dal 1980 opera nei settori dell’arredo urbano, arredo d’interni, delle coperture e della segnaletica di cortesia. E che, dai suoi 4 stabilimenti in cui lavorano 45 dipendenti, esporta in 14 Paese del mondo. L'azienda di Montecavolo ha infatti deciso di donare arredi esterni, in particolare panchine e fioriere, all'ospedale Covid-19 di Milano, con cui ha potuto mettersi in contatto attraverso la responsabile reggiana dell'Agenzia regionale di Protezione civile, Federica Manenti. 

Nel frattempo, ha superato le varie dogane anche la seconda donazione di materiali raccolti in Cina, sempre grazie all'appello lanciato dal reggiano Jie Lin conosciuto, come Jack, anche per la sua attività di interprete e di impegno nella l’Associazione cinese di Reggio Emilia. Si tratta di 10.000 mascherine destinate alle Unioni dei Comuni per volontari, dipendenti comunali, polizia municipale, residenze per anziani eccetera; 8.500 mascherine per Reggio Children e nidi e scuole dell'infanzia comunali, altre 4.000 per quelle Fism, 1.500 per Coopselios e 150 tute di protezione per l'Ausl di Reggio Emilia.
"Ai donatori, cinesi come reggiani, e all'Agenzia regionale di Protezione civile che sta svolgendo un grande lavoro anche per convogliare e gestire tutti questi aiuti, va il nostro più sentito ringraziamento - dichiara il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giorgio Zanni - Questa generosità, che oggi ci consente di affrontare la difficile sfida dinnanzi alla quale tutti ci troviamo, domani, ne sono certo, ci permetterà di vincerla e di ripartire con forza e determinazione".

ProprietÓ dell'articolo
modificato: sabato 11 aprile 2020