Vai all'homepage | Vai alla pagina della mappa del sito | Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito | Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

La Tazza d'Oro torna a splendere nella sua Montecchio

A un anno e mezzo dalla sua scoperta, torna per la prima volta nel luogo del ritrovamento l’eccezionale reperto dell’antica etÓ del bronzo
La Tazza d'Oro
La Tazza d'Oro

È alta poco più di 12 centimetri, ha un manico delizioso e soprattutto è in oro pressoché purissimo. Già questo farebbe della tazza rinvenuta nel marzo 2012 a Montecchio, durante scavi del Ccpl in una cava, un reperto straordinario. Ma se si pensa che risale all’antica età del Bronzo, cioè a un periodo compreso tra i 3800 e i 3700 anni fa, e che ha pochissimi confronti nel mondo (e nessuno in Italia), ecco che ‘eccezionale’ diventa il termine più appropriato. Ora la Tazza d’Oro torna nel territorio dove è stata rinvenuta e, da sabato 28 settembre a domenica 6 ottobre, sarà in mostra al Castello medievale di Montecchio Emilia. L’esposizione - organizzata dal Comune di Montecchio Emilia e dalla Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Emilia-Romagna, con il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia e dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria – sarà accompagnata da una serie di iniziative presentate questa mattina in Provincia.

A fare gli onori di casa,  Ilenia Malavasi, assessore all'Istruzione della Provincia di Reggio Emilia, che ha sottolineato come “questo eccezionale ritrovamento confermi quanto ricchi di storia siano il nostro Paese e il nostro territorio e come sulla cultura in generale sia necessario investire  sempre di più, a partire dalla scuola”. A questo proposito, lascia ben sperare il grande interesse già manifestato dalle scuole reggiane per la Tazza d’Oro: “Sono almeno una trentina le classi che hanno prenotato una visita al Castello”, ha detto  Andrea Costi, vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di  Montecchio, rimarcando “il prezioso contributo assicurato da tante associazioni culturali ed in particolare dal Gruppo Archeologico Val d’Enza”.

Altro lavoro importante di squadra, come ha sottolineato Valentina Leonini della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia–Romagna, è stato quello assicurato dagli enti locali e dal Ccpl. La Tazza d’Oro è stata infatti scoperta durante alcuni scavi nelle Cave Spalletti di Montecchio da parte di un’azienda del Ccpl: “Per noi che da sempre sosteniamo la cultura – ha detto Mara Leporati, direttore della comunicazione del gruppo cooperativo – questo oggetto dal valore inestimabile è ancora più caro, proprio perché legato alla nostra attività produttiva”.

Una stima del valore della Tazza d’Oro, anche se ovviamente un po’ aleatoria, in realtà  può essere fatta: “Siamo intorno ai 500.000 euro, considerando che nel 2002 il British Museum ne ha spesi circa 350.000 per uno degli altri unici 5 reperti simili, ritrovato in Inghilterra” (gli altri sono stati scoperti in Germania e Svizzera), ha detto Maria Bernabò Brea, direttrice del Museo archeologico di Parma e presidente dell’Istituto italiano di Preistoria e protostoria, che ha poi ricostruito l’affascinante storia della Tazza d’Oro. “E’ un ritrovamento eccezionale, ma non così casuale come sembra, perché da anni stavamo lavorando in quell’area che presenta una straordinaria stratigrafia millenaria: questa scoperta, dunque, è il frutto di una attività sistematica e condivisa di indagine”, ha detto. Databile tra il 1900 e il 1800 avanti Cristo, la Tazza è realizzata con un oro alluvionale molto puro e presenta un danno provocato da lavori agricoli recenti. “Ma soprattutto, risulta essere stata colpita con un’ascia in bronzo intorno al 1800 avanti Cristo prima di essere deposta in una piccola buca nel terreno – ha proseguito Maria Bernabò Brea -  Fu defunzionalizzata, fu in pratica “uccisa” per essere trasferita nell’aldilà: venne dunque sotterrata in quella piccola buca con un atto votivo, un gesto tipico dell’Età del bronzo”.

“Era un oggetto molto speciale, riservato a ospiti importanti, penso ai Feaci che offrono da bere ad Odisseo…”, ha aggiunto la direttrice del Museo di Parma. Dove, ultimata l’esposizione a Montecchio, la Tazza d’Oro tornerà “fino a quando i Musei Civici di Reggio Emilia, sede titolata ad ospitarla, non avranno predisposto un’area espositiva consona all’eccezionalità di questo reperto”. Contatti, in tal senso, sono già stati avviati dai Musei Civici con la Soprintendenza: nel frattempo, ultimata l’esposizione che si terrà al Castello di Montecchio dal 28 settembre al 6 ottobre, i reggiani dovranno accontentarsi della tanto fedele quanto preziosa ricostruzione in resina ricoperta di foglie d’oro realizzata dall’artista montecchiese Augusto Giuffredi.

 

L’esposizione della Tazza d’Oro

 

La Tazza d’Oro di Montecchio Emilia è certamente, come ha detto il soprintendente per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, Filippo Maria Gambari, "un oggetto destinato a cambiare radicalmente alcune idee consolidate sui commerci e sugli scambi nell’Europa di quasi quattro millenni fa." Ora la Tazza d’Oro torna per la prima volta nel territorio dove è stata rinvenuta e sarà in mostra al Castello Medievale di Montecchio Emilia da sabato 28 settembre a domenica 6 ottobre.

L’esposizione è organizzata dal Comune di Montecchio Emilia e dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna, con il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia e dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria. Un notevole contributo alla realizzazione della mostra è venuto inoltre dal Gruppo Archeologico Val d’Enza e dal Ccpl che ha sponsorizzato l’evento.

 

L’inaugurazione della mostra si terrà sabato 28 settembre alle ore 9.30 in concomitanza con le Giornate Europee del Patrimonio.

 

A seguire, a partire dalle ore 10, sempre presso il Castello Medievale, si svolgerà un importante convegno dal titolo “La Tazza d’Oro e il suo Tempo” in cui verranno illustrati in anteprima i risultati delle analisi compiute sulla Tazza. Al convegno interverranno:

Filippo Maria Gambari, Soprintendente per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna

Maria Bernabò Brea,  Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna

Andrea Cardarelli, Università "La Sapienza" di Roma

Iames Tirabassi, Civici Musei di Reggio Emilia

Lorenza Bronzoni, Soc. Coop. AR/S Archeosistemi

Un’occasione senz’altro importante per approfondire la storia di questo eccezionale reperto, i risultati dei più recenti studi e i misteri e le domande ancora irrisolte che lo circondano.

 

Sempre sabato 28 settembre, nel pomeriggio dalle ore 15.00 alle 18.00, gli archeologi della Soprintendenza effettueranno visite guidate alla mostra e all’importante reperto.

 

La mostra della Tazza d’Oro proseguirà poi sempre al Castello Medievale di Montecchio Emilia con i seguenti orari:

-         Dal lunedì al sabato: dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00

-         Domenica: dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00

 

Inoltre, nella giornata di sabato 5 ottobre dalle ore 16, visite guidate e letture a tema curate dall’associazione teatrale Sipario Aperto.

 

ProprietÓ dell'articolo
modificato: giovedý 26 settembre 2013