Tutti in campo contro l’abbandono sportivo

Un progetto di Provincia, Upi, Csi, Uisp e 8 Comuni per indirizzare i (troppi) giovani che lasciano gli sport tradizionali verso quelli alternativi. Entro il 31 agosto le iscrizioni (aperte a tutti gli under 25) per diventare ambassador, da settembre a ottobre eventi di dimostrazione e prova nelle piazze

Si chiama “No drop, no out” ed è un progetto promosso dalla Provincia di Reggio Emilia e dall’Upi Emilia-Romagna – in collaborazione con Uisp, Csi, Comuni e Pinco srl – nell’ambito di “Azione ProvincEgiovani”, il bando promosso dal Dipartimento per le Politiche giovanili della Presidenza del Consiglio dei ministri, che quest’anno si pone un duplice obiettivo: contrastare la dispersione scolastica e l’abbandono sportivo e diffondere una maggiore consapevolezza ambientale ed etica da parte dei giovani.

Il drop out (abbandono) sportivo è, infatti, un fenomeno piuttosto frequente tra i giovani. “Circa il 20% dei ragazzi e il 40% delle ragazze interrompe prematuramente l’attività sportiva tradizionale, che pure rappresenta uno strumento importante per soddisfare molti loro bisogni, creando occasioni d’incontro, di confronto e, dunque, di crescita – spiega il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giorgio Zanni – Obiettivo del progetto è proprio quello di riavvicinare questi giovani alla pratica sportiva, parte importante, se non essenziale, di benessere mentale e psicologico, in particolare attraverso discipline alternative”. Dagli sport di strada come il parkour o la danza urbana agli sport de glisse (termine che, una volta tanto, deriva dal francese: ovvero sport di scivolamento, che sia su acqua, su neve o su terra, spesso e volentieri con una tavola) alla giocoleria, tante le discipline meno tradizionali, ma non per questo meno impegnative o meno divertenti, che saranno promosse. E ben 8 i comuni reggiani che, attraverso le rispettive Amministrazioni, saranno coinvolti: Albinea, Boretto, Castelnovo di Sotto, Cavriago, Novellara, Rio Saliceto, San Polo d’Enza e Villa Minozzo. La carovana di “No drop, no out” si muoverà – con workshop, laboratori, scambi di esperienze e giornate di dimostrazione/prova degli sport di strada – dal 12 settembre all’11 ottobre. Ma prima, il progetto prevede il reclutamento – attraverso una apposita selezione e formazione – di Ambassador, ovvero ambasciatori, rigorosamente under 25, dell’attività fisica alternativa contro l’abbandono sportivo. Attraverso una formazione che sarà sia online sia pratica e sarà incentrata sulle tecniche degli sport di strada e sulla regolamentazione anti-Covid19, i giovani selezionati per il corso (gratuito) otterranno la qualifica di I livello da operatore sportivo nel sistema certificazioni CONI-Snaq e affiancheranno i promotori negli eventi che si svolgeranno in diversi comuni della nostra provincia. Le candidature possono essere effettuate, entro il 31 agosto, attraverso il sito della Provincia (No Drop No Out ) . A settembre si terrà il corso di formazione (6 lezioni teoriche) che, tra i ‘docenti’, vedrà anche il reggiano Chiron Mahesu (nella foto di Marco Francalacci in azione in piazza Martiri del 7 luglio), uno degli atleti di riferimento per la scena italiana di parkour, disciplina che punta a debuttare alle Olimpiadi di Parigi 2024.

Pubblicato: 11 Agosto 2020Ultima modifica: 03 Settembre 2020